Come nasce l’Euro

In questi giorni mi sono passate tra le mani un paio di banconote false da 20€. Con un po’ di attenzione si riconoscono al volo e si evita la fregatura. Vediamo un servizio realizzato da Alberto Angela per SuperQuark che ci mostra come nasce una banconota da 50€ e come riconoscere quelle false.

Hey, let’s be careful out there.” [cit.]

Autore: Stefano Petroni

Informatico, appassionato di fantascienza ma sopratutto cazzaro. Socio e Vice Presidente dell'Associazione Culturale Deep Space One. Civis romanus.

5 pensieri riguardo “Come nasce l’Euro”

  1. da quello che so io, ormai la falsificazione è così perfetta che a “occhio nudo” è quasi impossibile (a meno che non si sia dei super esperti).
    meglio comprare un rilevatore banconote false

    [6/11/2010 link rimossi dall’autore del Blog]

    1. Amici cassieri mi dicono che si devono sempre verificare almeno tre caratteristiche di sicurezza tra quelle elencate nel servizio. I falsari possono imitarne una o possono venire in possesso di una striscia olografica rubata, ma non riescono ad imitarle tutte perché costerebbe troppo. Le più difficili da imitare sono gli ologrammi (ma potrebbero essere rubati), il ’50’ che si forma in trasparenza perfettamente a registro, l’inchiostro calcografico e l’inchiostro cangiante.
      Inoltre spesso un falso è convincente se preso da solo, ma è evidente se confrontato con una banconota vera.

      1. Nelle banconote che ho avuto tra le mani c’era una specie di striscia olografica sul fronte ma non cambiava colore muovendola, la stampa era a registro infatti il 20 si formava perfettamente, la filigrana sembrava esserci ma era stampata sulla banconota infatti si vedeva anche senza mettere la banconota in controluce. Filo di sicurezza assente, inchiostro calcografico assente, carta lucida e non carta moneta.

    2. Grazie per il commento, i link sono stati rimossi in quanto ritenuti SPAM.

      Per la cronaca ho riportato la mia esperienza personale e le banconote erano riconoscibili con un po’ di attenzione.

      Quando mi porterete una banconota falsa con inchiostro cangiante, tutte le striscie olografiche, il filo metallico di sicurezza, stampa perfettamente a registro e a fuoco, e le parti rugose al posto giusto se ne riparla.

      Ciò non toglie l’utilità di un rilevatore di banconote false per chi maneggia molti soldi e molto in fretta. Però un commento messo così mi sembra solo SPAM e non ne vogliamo da queste parti.

      Grazie.

Spazio per un commento