Verizon traccia gli utenti mobili

Alcuni utenti hanno scoperto (qui e qui per citare degli esempi) che Verizon traccia gli utenti mobili.

Il modo in cui lo fa è particolarmente fastidioso, in quanto ogni richiesta HTTP diretta da un dispositivo mobile verso un server viene aggiunto un header X-UIDH.

L’header X-UIDH viene citato nel brevetto US8763101 B2 concesso quest’anno proprio a Verizon in cui, però, lo scopo dichiarato dell’header è di identificare univocamente un dispositivo per realizzare un’autenticazioni a più fattori.

In questo caso l’header viene applicato a tutto il traffico in uscita ed è una sorta di super-cookie di tracciabilità: i server possono capire se un utente arriva da Verizon e possono tracciare quell’utente utilizzando X-UIDH anche senza inviare alcun cookie al browser dell’utente.

Sembra che nelle opzioni offerte all’utente non ci sia la possibilità di chiedere a Verizon di non iniettare X-UIDH, ma si può solamente chiedere al provider di non rivendere a terzi i dati.

Se in Italia esistono regole più restrittive in merito al trattamento dei dati personali, alcuni servizi potrebbero nascondere negli anfratti del loro contratto di servizio qualche consenso a tecnologia analoghe. Per questo su Siamo Geek è disponibile un visualizzatore degli header inviati dal browser per controllare quali sono gli header ricevuti dal server. (via Web Policy)

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

Un pensiero riguardo “Verizon traccia gli utenti mobili”

Spazio per un commento