FreeBSD abbandona i RNG sui chip

Il gruppo di lavoro che si dedica alla sicurezza di FreeBSD ha deciso di abbandonare l’utilizzo del generatore di numeri casuali (RNG) presente sui chip.

Il motivo principale di questa scelta risiede nel timore che tra le attività della NSA rivelate da Snowden ci sia stata anche quella di indebolire l’entropia di questi generatori come è successo con gli standard di crittografia del NIST.

Al posto del supporto del RNG sul silicio ci sarà un software che potrebbe essere Yarrow oppure il suo successore Fortuna.

Nella versione 10 di FreeBSD RdRand di Intel e Padlock di Via Technology verranno, quindi, abbandonati e sostituiti con un generatore via software; gli applicativi potranno comunque continuare ad utilizzare quelle funzioni al posto di /dev/random

Linux continua ad utilizzare i RNG sui chip, ma non come uniche fonti di entropia, contenendo l’eventuale (ma non ancora dimostrata [PDF]) limitazione artificiale del generatore di numeri casuali. Una possibile soluzione, specialmente per le macchine virtuali, potrebbe essere haveged, anche se la materia è ancora oggetto di discussione.

Una buona generazione di numeri casuali è fondamentale per garantire la sicurezza delle trasmissioni crittografate, quindi non si tratta di una questione di pura estetica.

MOS 6502 visuale

Greg James, Barry Silverman e Brian Silverman hanno creato una simulazione visuale del funzionamento del celebre MOS 6502, cuore di molti computer storici tra i quali Apple ][, Vic 20, Commodore 64, Atari 2600 e Atari 800.

La simulazione in JavaScript è in grado di girare sulla maggior parte dei browser, tranne alcune installazioni di Internet Explorer.

Entro breve sarà disponibile anche una versione in Python, che sarà più utile per chi vorrà creare progetti simili nel lungo termine. Lo scopo del gruppo è, infatti, la conservazione storica dei dati relativi ai vecchi chip, in quanto il software è una simulazione esatta del chip, non una sua emulazione.

Vale la pena di segnalare anche un’interessatene documento con le slide di presentazione che contiene anche alcune foto curiose. (via BoingBoing)

Intel starebbe per acquistare la divisione wireless di Infineon

Intel sarebbe sul punto di acquisire la divisione dei chip wireless di Infineon.

L’accordo potrebbe essere annunciato anche nella giornata di oggi.

Infineon è stata creata nel 1999 dalla divisione semiconduttori di Siemens ed è il fornitore dei chip wireless dei telefoni di Apple.

L’acquisizione potrebbe accrescere la presenza di Intel nel settore wireless, in cui il gigante dei chip stava iniziando a perdere forza.

Aggiornamento 30/8/2010 12:30 – Intel ha confermato l’acquisto per 1,4 miliardi di dollari. Il processo di acquisizione terminerà nel primo trimestre del 2011.