Ho ‘la’ soluzione…

Da quando sono diventato responsabile IT della società per la quale lavoro, ricevo le “telefonate a freddo” di chi prova a convincermi, spesso usando la tipica terminlogia da markettaro, che l’azienda non possa assolutamente andare avanti senza avvalermi dei servizi che mi stanno offrendo.
Essendo perfettamente consapevole della difficoltà di fare le “telefonate a freddo“, quando posso permettermelo scambio anche due parole con l’interlocutore e, per tagliar corto, mi faccio inviare via email il loro materiale.

Ieri, però, la conversazione è stata differente:

Lei: “Buongiorno, posso parlare con il Dott. <nome del responsabile IT che ha preceduto quello che io ho sostituito>.
Io: “Buongiorno, mi dispiace ma ha lasciato l’azienda circa 5 anni fa.
Lei: “Ah… (pausa)… io ho questo contatto… (pausa)… posso parlare con chi lo ha sostituito?
Volevo dirle che quello che lo aveva sostituito aveva lasciato l’azienda, ma non credo avrebbe colto la sottile ironia: “Sono io, dica pure…Leggi tutto “Ho ‘la’ soluzione…”

Quis custodiet ipsos custodes?

Lo diceva Giovenale e anche Platone nel Repubblica trattava questo problema: Nempe ridiculum esset, custode indigere custodem.

Gli eventi di cronaca degli ultimi giorni hanno mostrato quali siano i pericoli di avere una sola persona al comando senza che questa debba rispondere delle proprie azioni, se non ex post (ok, adesso la pianto con il latinorum) nel caso in cui queste azioni abbiano conseguenze nefaste.

Anche nel mondo IT ci sono dei SysAdmin che, per necessità dell’organizzazione per cui lavorano o per prassi consolidate, si trovano ad avere pieni poteri sui sistemi che amministrano senza un auditing terzo.

Non sto, certo, dicendo che ogni personale IT con accessi privilegiati debba essere sottoposto ad una procedura di presunzione di colpevolezza, ma le organizzazioni che impiegano i SysAdmin dovrebbero avere delle procedure che limitano i danni in casi di crisi.

Alcuni comportamenti o procedure che evitano i problemi sono questi.

Leggi tutto “Quis custodiet ipsos custodes?”