Altra burocrazia .IT

burocraziaCome ho già scritto, la mia poca simpatia verso i nomi a dominio .IT ha radici lontane.

Mi sono trovato nella condizione di cambiare l’intestazione di un po’ di nomi a dominio da una società ad un’altra.

Per i domini COM, NET, ORG, ROCKS, CC, WP, TL, NAME… si è trattato solamente di utilizzare il pannello del registrar americano, cambiare i dati e dire “applica a tutti i miei domini”; nell’anagrafica dell’utente ho cambiato la ragione sociale et voilà!

Per DUE nomi a dominio .IT (sola gestione DNS, nessun servizio associato) e UNA casella postale PEC so che mi attenderà un calvario la cui anteprima è mostrata a fianco. Leggi tutto “Altra burocrazia .IT”

La burocrazia .IT

John Maynard Keynes (via Wikipedia)La mia esperienza con la registrazione dei nomi a dominio e la loro amministrazione) inizia dal 1994.

Ricordo ancora le regole dei .IT come un solo nome a dominio per ogni società, i fax illeggibili che venivano rifiutati, i controlli periodici di raggiungibilità dell’utente postmaster, con relativi report nella mailing list del GARR, le registrazioni respinte perché il TTL non era quello desiderato o perché non c’era un record MX (il TTL e il record MX venivano corretti 5 minuti dopo l’avvenuta registrazione e nessuno si lamentava o revocava la registrazione).

Insomma, tutta la burocrazia .IT dei primi anni.

Nel 2014 i .IT si possono registrare senza inviare la LAR (che sia della versione corrente! poco importa se la rimandi cambiando solo il numero di versione e viene accettata comunque) e i documenti di identità via fax; ora tutti i registrar possono registrare un nome a dominio senza passare carta, esattamente come i .COM

Non esattamente. Leggi tutto “La burocrazia .IT”

IDN? No grazie… (almeno per il momento)

Dalle ore 14:00 dell’11 luglio 2012 il NIC italiano (l’ente preposto a regolamentare e gestire la registrazione dei domini con estensione .it) consente di registrare domini IDN (internationalized domain name) ovvero domini contenenti lettere accentate ed altri caratteri speciali che prima non erano consentiti nei domini italiani.

Peccato che nessuno si è preso la briga di controllare se i vari programmi in uso dagli utenti o in funzione sui server siano compatibili e supportino i nuovi domini.

Lo standard per i nomi di dominio non permette normalmente caratteri non ASCII ma alla fine un metodo per internazionalizzare i nomi di dominio in un formato ASCII standard è stato trovato, salvaguardando con ciò la stabilità del Domain Name System. La prima bozza di IDN è stata proposta nel 1996 ed implementata nel 1998. Nel marzo 2008 l’Internet Engineering Task Force ha formato un nuovo IDN Working Group per rimodernare il corrente protocollo IDNA.

Attualmente diverse decine di domini di primo livello supportano la registrazione gli IDN. Anche il dominio di primo livello .eu, dal 10 dicembre 2009, supporta gli IDN.

Ovviamente perché tutto funzioni tutte le varie tessere del mosaico di software che costituisce Internet deve essere aggiornato e compatibile. E quì cominciano i problemi.

Ho eseguito personalmente dei test di invio mail da alcuni dei più grandi (come numero utenti) sistemi webmail verso delle mailbox appositamente create con domini IDN ed i risultati a parer mio sono sono disastrosi.

Gmail e Tiscali non supportano gli IDN e non consentono l’invio del messaggio. Yahoo prima lo accetta poi manda un messaggio d’errore perché uno dei suoi server non riesce ad inviare il messaggio a destinazione. V’invito ad effettuare dei test con altri account, se lasciate un commento, indicando la vostra mail vera nell’apposito campo, con il quale chiedete di collaborare al test vi contatterò personalmente per indicarvi un paio di indirizzi verso cui inviare i test. I risultati saranno pubblicati su questo blog.

ATTENZIONE! Non indicate la mail nel commento ma nell’apposito spazio del form. In questo modo io potrò vedere la vostra mail e contattarvi ma questa non sarà pubblicata sul sito.