VMware: contrordine compagni!

La nuova versione 5.1 di VMware introduce nuove regole di licensing.

Non fosse per il “5.1”, la frase sopra potrebbe essere un copia-e-incolla di articoli del passato. Per fortuna, questa volta ci sono buone notizie.

Viene, infatti lasciato da parte il concetto di vRAM, che tanta confusione aveva generato anche tra i professionisti di VMware: si torna ai socket delle CPU.

Il numero di socket è molto più facile da contare (per i commerciali) e da programmare (per l’IT) in fase di progettazione: la RAM (vera o virtuale) è una cosa che si aggiunge con relativa facilità anche dopo mesi (o anni) dall’installazione, mentre il numero di socket è limitato dal’architettura degli host e, specialmente nel contesto SMB, difficilmente si comperano server a 4 oppure 8 vie con dentro solamente una o due CPU.

Leggi tutto “VMware: contrordine compagni!”

Bravo VMware!

In una mail indirizzata ai partner commerciali VMware ha annunciato di aver corretto lo schema delle licenze del nuovo vSphere 5.

La correzione fa seguito ad un mese di… burrasca delle comunità online che non hanno reagito proprio bene al nuovo schema di licensing.

In VMware 5 le licenze sono basate sulla quantità di memoria assegnata alle macchine virtuali accese (vRAM). Rimando alla documentazione appropriata la spiegazione del concetto di vRAM e dei metodi di calcolo.

La notizia degna di nota è che VMware ha ascoltato le lamentele degli utilizzatori, che hanno spiegato in dettaglio come e perché le quote di vRAM stabilite inizialmente e i metodi per calcolarle facevano perdere parte dei vantaggi della virtualizzazione.

Benché in una posizione dominante, VMware ha ascoltato le lamentele e ha deciso di correggere al rialzo le quote di vRAM (+100% per le licenze Enterprise+ ed Enterprise e +33% per Standard, Essentials+ ed Essentials). Inoltre il metodo di calcolo della vRAM si basa su una media annuale e non viene più calcolata in modo continuo, favorendo chi appronta ambienti temporanei di sviluppo, dove la virtualizzazione è fondamentale, o ha brevi periodi di migrazione con sovrapposizione di due ambienti.

Dove altre società di software in posizione dominante di mercato impongono unilateralmente le licenze, VMware si distingue per stabilire un dialogo con chi, dopotutto, paga le fatture.