Tracciatura via Wi-Fi: come funziona?

Wi-SpyUltimamente si parla molto di tracciatura delle persone attraverso il Wi-Fi, vediamo di seguito come funziona.

Come al solito bisogna fare qualche passo indietro per spiegare un po’ di basi.

Il Wi-Fi è codificato nella famiglia di standard 802.11 e occupa i primi due strati (Fisico e Collegamento) del modello ISO/OSI. Fuor di tecnicismi, il WiFi si occupa di trasportare al più basso livello possibile i dati, indipendentemente dal loro contenuto, ed ha come omologhi gli switch, i cavi e le schede di rete.

Per funzionare correttamente e poter scambiare i dati ogni oggetto della rete Wi-Fi è identificato da un numero univoco, l’indirizzo MAC (Media Access Control). Il MAC è lungo 48 bit ed è visualizzato come una sequenza di numeri esadecimali da due cifre tipo  01-23-45-67-89-AB (oppure 01:23:45:67:89:AB). Il MAC identifica anche il rivenditore del dispositivo tramite la prima metà del codice: è possibile sapere che ha costruito il dispositivo consultando appositi database online (qui, qui, qui e qui). Ovviamente il MAC deve essere univoco ed è compito dei costruttori fare in modo che lo sia. Benché sia scritto nel firmware del dispositivo, è possibile modificare il MAC di una scheda di rete via software, quindi non c’è nessuna garanzia che un dispositivo abbia sempre lo stesso MAC in tempi diversi (ovvero c’è il legittimo sospetto che possa cambiarlo).

Abbiamo, quindi, una rete via onde radio fatta di oggetti che dialogano tra loro attraverso dei codici di riconoscimento univoci (i MAC). Avete già capito.

Leggi tutto “Tracciatura via Wi-Fi: come funziona?”