Twitter spia l’elenco delle APP installate

La storia di feature aggiunte e contrabbandate come miglioramento dell’esperienza dell’utente (user esperience) ha iniziato a diventare insopportabile tanto quanto la locuzione xxxxxx experience.

Alcune APP guardano l’elenco delle APP installate apparentemente per profilare l’utente, la qual cosa è, francamente, oltre il limite della tolleranza. Quella di Twitter si è aggiunta da poco a questo gruppo di simpatiche APP che non si fanno gli affaracci loro.

C’è un metodo a priori per bloccare questo comportamento di ogni APP. Dal momento che Twitter non ha ancora abilitato questa funzione, è il caso di agire subito. Leggi tutto “Twitter spia l’elenco delle APP installate”

Effetto Streisand

elaborazione di AppFigures
elaborazione di AppFigures

Le persone che non conoscono uno strumento e pensano di imporre le loro regole a ciò che non conoscono finisco sempre sconfitte.

Questa è una conclusione che si può trarre guardando la cronaca degli anni passati, ma tutti sanno che l’unica cosa che la Storia insegna è che nessuno impara dalla Storia. Uno degli effetti più eclatanti dell’ignoranza di uno strumento o della poca lungimiranza delle persone è il cosiddetto effetto Streisand.

I taxisti sono bravi a guidare i taxi e a portare i clienti a destinazione, meno bravi nelle relazioni pubbliche

A meno che non sia pagato dal titolare o dal cliente, l’utente quadratico medio non occasionale del taxi non è un giovane smanettone, ma una persona che, appunto, si può permettere un taxi al posto di un mezzo pubblico o di un passaggio di un amico o collega. Questa persona non conosce Uber, se non per sentito dire, ma non è uno stupido.

Considerate ora una persona che apprende la notizia che i taxisti di tutta Europa fanno sciopero contro un programma gratuito che permette di risparmiare sui taxi. Qual è la reazione ovvia e immediata di questa persona? La risposta l’ha data AppFigures in un articolo sintetizzato con efficacia dall’immagine qui sopra.

Con ciò non voglio entrare né nel merito del problema dei taxi né di quello sociale della perdita di lavoro a causa delle tecnologie. Uno dei problemi che vengono spesso taciuti da tutti è che i taxisti spesso fanno notevoli sforzi economici per comperare (googlare acquisto licenze taxi nero) una fetta di monopolio che si sta rivelando una promessa non mantenuta da parte di chi quel monopolio lo mantiene in forza di legge.

Applicazioni ficcanaso

F-Secure App PermissionsHo già detto circa la mia posizione sulle APP dei dispositivi mobili.

Alcune sono, purtroppo, un male necessario ed è diritto dell’utilizzatore di un dispositivo sapere dove vada a ficcare il naso il software che viene installato.

F-Secure ha creato la APP gratuita App Permissions che permette di sapere chi ha il permesso di fare cosa.

Una volta avviata la App Permissions elenca per default le applicazioni installate in ordine decrescente di invasività. Non mi stupisco che WhatsApp sia in testa alla classifica, anche perché non ho la APP di Facebook.

Oltre alla classifica meramente numerica di permessi è possibile vedere il proprio installato in ordine di possibili costi per il traffico dati, dispendio di batteria e impatto sulle informazioni personali. È anche possibile creare dei filtri personalizzati in base ai permessi.

Leggi tutto “Applicazioni ficcanaso”

APP o browser?

link a facebookLo dico subito: non sono mai stato un fanatico del fenomeno delle APP, specialmente quando venivano spacciate come “evoluzione” del web.

Riconosco che quando è nato l’iPhone le reti cellulari non erano dei fulmini di guerra per la trasmissione dati, i siti non erano (più) ottimizzati per connessioni a bassa velocità e ovviamente non esisteva (ancora) il concetto di “versione mobile del sito”.

In sé la APP disaccoppia i dati dalla presentazione: la presentazione risiede staticamente sul telefono (client) e i dati vengono pescati dinamicamente dal server via http[s]. Questa tecnica riduce notevolmente il traffico dati perché la presentazione (la APP), che è la parte più cospicua dal punto di vista del traffico, viene trasmessa solo in fase di installazione/aggiornamento.

Ma c’è un pericoloso risvolto della medaglia: una APP è un vero e proprio programma che gira sul telefono a cui vengono concessi dei permessi di accesso da parte dell’utente (si spera in maniera consapevole). Senza contare il fatto che spesso una APP “presenta” dei contenuti del web, senza però offrire la possibilità di ricavare un riferimento ipertestuale (URL) a quei contenuti per trasmetterli o referenziarli altrove. In alte parole, rompe uno dei fondamenti del WWW.

Si può star qui a disquisire sull’opportunità di avere un sistema con più o meno granularità di permessi, ma alla fine la questione è una: le APP tendono a chiedere più privilegi di quelli che hanno bisogno, nel nome della oramai logora “migliore esperienza di utilizzo”.

Facebook è un chiaro esempio di questa espansione e trasformazione verso qualcosa che diventa onestamente eccessivo. Se si guarda l’applicazione per Android, i permessi richiesti sono poco giustificabili ad una prima analisi. Non sono, ovviamente, tirati a caso, ma l’applicazione di Facebook inizia a diventare onestamente troppo invasiva.

Leggi tutto “APP o browser?”

Google Sky Map diventa open source

Google ha deciso di donare Sky Map all’open source.

Sky Map è un’applicazione per Android che permette, tra le altre cose, di riconoscere le stelle puntandole con il dispositivo o di cercare la loro posizione in maniera semplice.

L’applicazione era nata nel 2009 negli uffici di Pittsburgh ad opera di un gruppo di dipendenti di Google appassionati di astronomia che hanno utilizzato il 20% del loro tempo per creare questo programma.

Da oggi Sky Map è open source; Google sta collaborando con la Carnegie Mellon University per ampliare le funzionalità del programma e saranno gli stessi studenti ad implementare le nuove funzionalità.