Sindacalisti webmaster

Caro direttore, abbiamo visto con stupore che il nostro sito online ospita addirittura un link a un altro sito. Ci sembra una iniziativa incomprensibile, specie in un momento in cui stiamo discutendo, con tutte le difficoltà che conosci, su come rendere più redditizio il nostro di sito. Ti chiediamo, dunque, di interrompere quest’operazione che ha disorientato la redazione e che per altro è stata assunta senza neanche informare il Cdr, come invece è previsto dal Contratto. In caso contrario non riusciamo proprio a capire di che cosa dovremmo continuare a discutere.

Così scriveva il Comitato di Redazione del Corsera al direttore Ferruccio de Bortoli il 20 ottobre u.s. Il link ad un altro sito a cui fa riferimento la missiva è verso Linkiesta.

La fonte è attendibile: per quanto incredibile non è né una barzelletta né una bufala.

È, invece, la triste realtà di un organo autoreferenziale che ha perso definitivamente il contatto con la realtà e si aggrappa disperatamente ad ogni appiglio, anche il più assurdo, per poter continuare a giustificare la propria esistenza, finendo miseramente nel ridicolo.

Al confronto gli scioperi che facevamo al Liceo per lo sterminio delle foche al fine di evitare le interrogazioni o per assistere al passaggio della Milano-Sanremo erano atti di alta politica e di elevato impegno sociale.

Quaresima 2.0: a chi giova?

20120219-231904.jpg

Non sempre mi piace quello che scrive il noto giornalista italiano Giuseppe Severgnini, però leggo i suoi articoli con una certa regolarità. Stamattina mi ha attirato la sua lunga apertura su La lettura, settimanale del Corriere della Sera dedicato alla cultura, ai libri e ai media in generale.
L’articolo intitolato Sette giorni fuori rete tratta appunto del test effettuato dalle stesso autore di rimanere disconnesso da Internet per uan settimana.
La riproduzione dell’articolo è disponibile anche sul sito del giornale.

Severgnini inizia il 9 febbraio a spegnere 3G e WiFi sull’iPhone, a mettere un messaggio out-of-office sulla casella di posta elettronica e a consegnare l’iPad al figlio perché glielo sequestri.
Come potrete leggere nell’articolo, nei giorni seguenti il giornalista cerca di darsi da fare utilizzando sempre la tencologia, ma senza collegarsi a internet.
Fa delle telefonate, si fa mandare dei fax, guarda la televisione, si fa racconare dai colleghi quello che succede e si informa come si faceva una volta: aspettando il telegiornale delle 20:00.
Leggi tutto “Quaresima 2.0: a chi giova?”