Dovecot+SQL: tracciare l’ultimo login

In molti casi è utile sapere quando un utente ha effettuato l’ultimo login via IMAP o POP ad un server di posta elettronica.

In una configurazione con Dovecot come server IMPA/POP e MySQL/MariaDB come backend per l’archivio degli utenti fin’ora era necessario utilizzare delle scappatoie per tenere traccia dell’ultima volta in cui un utente si era collegato.

Dalla versione 2.2.14 rilasciata lo scorso 14 ottobre Timo Sirainen ha aggiunto il plugin Last Login.

Al momento la documentazione del plugin è abbastanza scarna, chi volesse implementare la tracciabilità dell’ultimo login in una configurazione con Dovecot, Postfix e Postfix Admin come gestione degli utenti può procedere come segue. Leggi tutto “Dovecot+SQL: tracciare l’ultimo login”

Archiviazione della posta elettronica

È fuori discussione che l’archiviazione della posta elettronica sia una necessità e, alcune volte, un obbligo.

Il SysAdmin deve risolvere in un modo o in un altro questa necessità degli utenti, senza decidere ex auctoritate che si tratta di un vezzo o della conseguenza della pigrizia di chi utilizza la mail. Nella posta elettronica ci sono le tracce con riferimenti temporali delle interazioni con clienti o fornitori esterni e alcune volte c’è la storia evolutiva di un’organizzazione.

Leggi tutto “Archiviazione della posta elettronica”

Dovecot 2.1.0

Timo Sirainen ha rilasciato la versione 2.1.0 del server IMAP/POP Dovecot.

Il rilascio avviene, come di consueto, dopo una lunga serie di versioni alfa, beta e sette release candidate, a garanzia di una ragionevole stabilità del software.

Le novità di questa versione rispetto alla 2.0.0 riguardano molte migliorie nel funzionamento interno, l’aggiunta di alcune estensioni IMAP e il miglioramento del supporto della multi istanza.

Copiare messaggi tra mail client incompatibili

Capita spesso di avere la necessità di copiare dei messaggi di posta elettronica tra client tra cui non è prevista una procedura di migrazione.

Anziché passare per conversione esotiche che finiscono per causare perdite o degrado di informazioni, ho visto che c’è una soluzione comoda e lineare: IMAP.

Tutti i client di posta elettronica, chi bene e chi male, supportano il protocollo IMAP.

Per migrare i messaggi è, quindi, sufficiente utilizzare un account IMAP, come un account gmail o account di un server IMAP creato ad hoc su un computer.

La procedura è banale: dal client sorgente si copiano tutti i messaggi sull’account IMAP, da cui vengono in seguito copiati sul mail client destinatario.

È l’uovo di Colombo, ma spesso ci si infila in pericolosi cul de sac cercando programmi o procedure di conversione che non fanno quasi mai quello che promettono.