SpiderOak

SpiderOakSpiderOak è un servizio di storage online.

A differenza di molti altri nomi noti (uno per tutti: DropBox), SpiderOak implementa il principio della conoscenza zero (zero-knowledge) dei dati lato server, in quanto sui loro server tutte le informazioni sono registrate in modo cifrato, la chiave non è nota a SpiderOak e le password non sono salvate sui loro server. Questo fa sì che nessuno in SpiderOak può rivelare a terzi il contenuto dei dati registrati.

All’atto della creazione di un account in SpiderOak, viene generata una coppia di chiavi di cifratura protette da una password nota solamente all’utente che verranno utilizzate per cifrare il traffico da/per SpiderOak. Questa tecnologia permette di avere il massimo della privacy, ma ha due aspetti che bisogna considerare con attenzione. Il primo è che la forza delle chiavi dipende anche dalla piattaforma su cui vengono generate; l’ideale sarebbe utilizzare un Linux, o comunque un computer fidato. Il secondo aspetto è che non è possibile in alcun modo recuperare una password dimenticata: se si dimentica la password di sblocco delle chiavi (che è anche la password dell’account), i dati sono persi per sempre (o fino a quando qualcuno non riesce a decifrarli con un attacco a forza bruta). Leggi tutto “SpiderOak”

Da Flickr a Ipernity

ipernityPer anni sono utente a pagamento di Flickr, ma le ultime modifiche al sito non mi hanno convinto molto.

Ero alla ricerca di un nuovo sito simile a Flickr 1.0 e Corrado Giustozzi mi ha suggerito Ipernity.

È un sito del tutto analogo alla prima versione di Flickr con il chiaro intento di far sentire a casa propria tutti gli utenti che si trovavano bene con il vecchio layout del sito.

Visti gli ultimi fatti di cronaca, uno dei vantaggi di Ipernity è che i server sono in territorio europeo, a Sophia Antipolis; anche i termini dell’accordo di utilizzo hanno come foro di riferimento quello di Cannes.

La migrazione delle immagini da Flickr è facilitata da una serie di script per Grasemonkey (Firefox) o Tampermonkey (Chrome) che importano un’immagine alla volta, un album alla volta oppure tutte le immagini 90 alla volta. Questi script trasferiscono tutti i metadati comuni ad entrambe le piattaforme, inclusi i tag e la geolocalizzazione. Non vengono importati tra gli altri:

  • il numero di visite
  • l’appartenenza ai gruppi
  • le note sulle foto
  • i commenti (che potrebbe non essere poi così male…).

La comodità di questo metodo è che non viene utilizzata la banda del browser che sta eseguendo l’importazione, ma la copia avviene direttamente dai server di Flickr a quelli di Ipernity.

Leggi tutto “Da Flickr a Ipernity”

La Stampa. Punto.

Stampa - Corsera - RepubblicaDa ieri il sito de La Stampa ha lo stesso nome della testata e cade il suffisso .it.

Primo tra i tre maggiori quotidiani generalisti italiani a compiere questa scelta non solo grafica, La Stampa si allinea alla strategia delle maggiori testate internazionali. La redazione è ora unica e i contenuti possono essere indirizzati indifferentemente sui vari media.

Per troppo tempo le redazioni online dei quotidiani sono state (e in Italia molte lo sono ancora) le sorelle minori delle testate cartacee, che spesso antepongono la velocità nel dare una notizia all’accuratezza della medesima (tipico esempio), come se arrivare primi fosse più importante della professionalità.

Uniformare una redazione per i vari media non è solamente un fatto logistico o tecnologico, ma richiede un grande sforzo da parte delle persone coinvolte, molte delle quali devono davvero cambiare il loro modo di lavorare.

In bocca al lupo, quindi, alla testata torinese. (via @marcobardazzi)

Tiny Tiny RSS

tiny tiny rssQuando a metà di marzo Google aveva annunciato la chiusura del suo reader online  si era aperta la caccia all’alternativa.

All’inizio mi ero attrezzato con un mio reader basato su SimplePie, che faceva il suo onesto lavoro. Ultimamente stavo provando Feedly, ma ieri ha annunciato che ci sarebbero state due versioni: una gratuita e una a pagamento, la qual cosa mi ha convinto a tornare sui miei passi.

Dietro segnalazione di Luigi ho provato Tiny Tiny RSS, che si è rivelata una piacevole scoperta.

Tiny Tiny RSS è un reader online di RSS open source scritto in PHP (richiesta la versione 5.3) che utilizza MySQL o PostgreSQL come base dati e supporta più profili utente.

L’installazione è abbastanza semplice e ben documentata: una volta copiati i file nella directory desiderata e creato il database, il tutto avviene via interfaccia web.

Le opzioni disponibili sono molte e permettono una personalizzazione notevole. Il programma permette di importare un file OPML, chi viene da Feedly può scaricarlo qui. In tema, il file esportato da Feedly non rispetta in maniera ferrea le regole XML e potrebbe non essere importato da Tiny Tiny RSS; in particolare bisogna verificare che i nomi dei feed e gli URL non contengano caratteri ‘&’ non convertiti nell’entità HTML ‘&’

L’aggiornamento dei feed viene eseguito da uno script demonizzato che gira sotto il profilo utente di Apache.

Una volta importato l’elenco dei feed e impostato il demone, resta solamente da regolare qualche opzione e godersi il nuovo reader personale di cui ho trovato molto utili le scorciatoie da tastiera.

Online l’archivio di Scientific American

Fino al 30 novembre l’archivio di tutti i numeri di Scientific American è liberamente accessibile da parte di tutti.

Il primo numero è stato pubblicato a New York giovedì 28 agosto 1845, come dice la testata della pubblicazione.

In prima pagina c’è anche un riferimento all’Italia, Paese che avrebbe spedito ad uno studioso della Florida i semi di una presunta pianta della seta.

L’accesso gratuito è limitato al mese di novembre.

 

Nonciclopedia torna online

Nella pagina principale della Nonciclopedia si legge:

Cari lettori,

Ringraziandovi per il caloroso sostegno, vogliamo innanzitutto chiarire che ci dissociamo dalla violenza con cui il web ha reagito alla nostra decisione di oscurare il sito. Il nostro intento non è mai stato quello di incitare l’utenza contro Vasco, quanto quello di informarla dei fatti avvenuti.

Ci scusiamo se i contenuti della pagina di Vasco Rossi siano sembrati diffamatori, ma non c’è mai stata l’intenzione di offendere il cantante. Aggiungiamo che non abbiamo responsabilità su alcuni stralci della pagina di Vasco Rossi che circolano in rete (e che sono stati diffusi da alcuni TG) poiché non corretti, in quanto non sono mai stati presenti sul nostro sito.

Da entrambe le parti c’è una volontà di garantire umorismo di qualità, pertanto non escludiamo la possibilità futura che un giorno su Nonciclopedia tornerà ad esistere un articolo su Vasco Rossi che faccia ridere tutti quanti.

Tania Sachs, la portavoce ufficiale del rocker, ha assicurato che ritirerà la querela contro Nonciclopedia.

Dopo gli eventi di ieri c’è stata prima una reazione un po’ frettolosa dei portavoce di Vasco Rossi, che hanno tentato di fare la voce grossa e poi una discesa a più miti e ragionevoli consigli. L’articolo di Paolo Attivissimo riporta in maniera dettagliata e più professionale lo svolgersi dei fatti e la serie di dichiarazioni.

Leggi tutto “Nonciclopedia torna online”

Il business della pubblicità online

Charles Ponzi (foto del Governo USA)

Hung Truong fa un’interessante riflessione nel suo blog sul modello di business di alcuni sistemi di pubblicità online, alcuni dei quali rischiano di diventare dei pericolosi schemi multilivello di Ponzi.

Leggi tutto “Il business della pubblicità online”