CentOS diventa parte di RedHat

La scorsa notte Karanbir Singh ha annunciato che CentOS entra a far parte della famiglia RedHat.

È ancora troppo presto sia per stracciarsi le vesti urlando al Gombloddo!!1!1! sia per tirar fuori una bottiglia di quello buono per festeggiare.

Ricordo di aver utilizzato RedHat praticamente da quando è nata come progetto pubblico, quello che mi è piaciuta da subito è un’organizzazione uniforme tra i pacchetti dell’uso delle directory, cosa che altre distribuzioni del periodo non avevano e hanno adottato più tardi.

Leggi tutto “CentOS diventa parte di RedHat”

RedHat 7 beta 1: prova di installazione

Ho fatto la prima installazione di prova di una RedHat 7.0 beta 1.

Dopo aver scaricato l’ISO, ho creato una macchina virtuale su VMware Workstation 9 con queste caratteristiche: 2 Gb RAM, 20 Gb disco, singolo processore 64 bit a un core, NIC in bridge, sistema operativo Linux 2.6.x a 64 bit generico.

Il boot da CD lascia 30 secondi di tempo per decidere se partire subito, attivare il rescue mode oppure cambiare i parametri del kernel.

Red Hat 7 Beta 1 - Welcome

Anaconda ha un nuovo aspetto grafico, la procedura di installazione non è più in formato wizard ma propone tutti gli elementi da configurare in una schermata riassuntiva unica e lascia decidere al SysAdmin cosa configurare e in che ordine. Nota: il partizionamento dei dischi è l’ultimo dell’elenco e potrebbe essere necessario utilizzare le scroll bar per visualizzarlo.

Leggi tutto “RedHat 7 beta 1: prova di installazione”

RedHat 7.0 beta 1

RedHat ha annunciato la disponibilità di RedHat Enterprise Linux 7 Beta 1.

La versione beta è liberamente scaricabile da tutti per la valutazione e per segnalare anche eventuali problemi.

A differenza dalla precedente versione 6, sarà possibile effettuare un aggiornamento in place della versione 6.5 senza la necessità di riformattare o reinstallare da zero.

Non è più possibile installare la versione 7 su processori a 32 bit, il cui supporto è garantito attraverso la virtualizzazione oppure un layer di compatibilità software.

Le nuove installazioni della distribuzione avranno per default il file system xfs, anche se sono comunque supportati i file system ext.

Tra le novità e i limiti di Red Hat 7 si possono annoverare:

  • 3 Tb di RAM massima, 1 Gb di RAM minima (per la versione x86_64);
  • file system di massimo 500 Tb e singolo file di massimo 16 Tb con xfs;
  • kernel 3.10.0;
  • systemd sostituisce gli script di init e altri aspetti di avvio del sistema;
  • ext2 ed ext3 sono sconsigliati e dovrebbero essere sostituiti in place da ext4;
  • webalizer, thunderbird e compiz sono stati rimossi;
  • MariaDB ha sostituito MySQL;
  • sendmail è sconsigliato, anche se non ci voleva Red Hat…

Questo è solamente un assaggio della novità che sono elencate in dettaglio nelle note di rilascio.

Chi utilizza o amministra RedHat o CentOS dovrebbe familiarizzare con la versione 7 prima di metterla in produzione perché alcune novità, come systemd, sono davvero strutturali.

Il team di CentOS sta già lavorando per costruire l’ambiente della versione 7.

Aggiornamenti di PHP per CentOS

Sono stati rilasciati gli aggiornamenti dei pacchetti php e php53 di CentOS versione 6 e 5.x rispettivamente.

Questo aggiornamento corregge due bachi di sicurezza dell’interprete, come indicato nella nota di quello che CenOS chiama l’upstream.

Il primo baco corretto riguarda la funzione di hash degli array suscettibile di collisioni prevedibili. Se un HTTP POST contiene molti parametri il cui nome ha il medesimo hash, il consumo di CPU di PHP aumenta notevolmente.

Questo problema è stato mitigato introducendo la direttiva di configurazione max_input_vars, il cui valore di default è 1.000.

Il secondo baco corretto riguarda un integer overflow sui sistemi a 32 bit: se viene caricata un’immagine i cui dati EXIF sono stati modificati ad arte, l’interprete va in crash e potrebbe esporre i dati che ha in memoria.

CentOS 6.1

Il team di sviluppo di CentOS ha annunciato la disponibilità dei supporti di installazione della versione 6.1.

Chi ha attivato il repository cr (ed è saggio farlo sia per la 5.x sia per la 6.x) di fatto vedrà da oggi solamente una manciata di aggiornamenti. Per attivare questo repository basta installare il pacchetto centos-release-cr.

Gli ISO per creare i kit di installazione sono disponibili presso i mirror abituali o possono essere scaricati via BitTorrent seguendo questi link:

È anche disponibile in download diretto una versione minimale (i386, x86_64) che contiene un gruppo minimale di pacchetti con il sistema standard di installazione, ma senza possibilità di scelta durante il setup. Questa versione contiene comunque il sistema di recovery e rescue, maggiori informazioni nelle note di rilascio.