HTTPS: come funziona?

Abbastanza bene, ma non è una bacchetta magica.

Prima di spiegare HTTPS è necessario spiegare cosa sia la Public Key Infrastructure (PKI) e prima ancora la crittografia asimmetrica, il vero mattone con cui è costruito tutto quanto: se qualcuno scoprisse come crackare velocemente una cifratura asimmetrica verrebbe giù tutto o peggio.

I sistemi di crittografia più noti sono simmetrici, ovvero quelli che richiedono una chiave, la stessa, per cifrare e decifrare un testo: dal cifrario di Cesare a Enigma era questo il modo di nascondere le informazioni fino a qualche decennio fa.

Leggi tutto “HTTPS: come funziona?”

Microsoft alza il limite minimo delle chiavi RSA

Il patch tuesday di ottobre conterrà l’aggiornamento di cui all’articolo KB2661254.

L’avviso è stato diramato con così largo anticipo per l’impatto che potrebbe avere in molte organizzazioni: una volta installata KB2661254 non verranno più considerate valide le chiavi RSA con lunghezza minore di 1024 bit.

Leggi tutto “Microsoft alza il limite minimo delle chiavi RSA”

Un https migliore

Tutti sappiamo che il protocollo https permette ad Alice e Bob di scambiarsi messaggi senza che Charlie, costantemente in ascolto sulla linea, li legga.

Ogni browser utilizza degli espedienti grafici per indicare che la connessione in corso non è facilmente intercettabile e leggibile.

Ma c’è un tipo di https che offre una sicurezza maggiore rispetto ad un altro e, per ora, i browser non hanno sistemi di avviso immediatamente riconoscibili per informare l’utente in merito.

Innanzi tutto, una carrellata su come funziona il protocollo https. I due attori in gioco (Alice e Bob) sono il client (browser dell’utente) e il server. Lo scopo è fare in modo che Charlie non legga i dati che passano in ciascuna delle due direzioni.

Leggi tutto “Un https migliore”