Traffico dei bot

La scorsa settimana ha avuto una notevole risonanza la notizia secondo la quale il traffico dei bot ammonterebbe fino al 61,5% del traffico web.

Incuriosito, ho preso i log di Siamo geek della scorsa settimana con tutto il traffico IPv4 e IPv6 verso questo sito, li ho importati in una tabella SQL e ho fatto due conti.

Leggi tutto “Traffico dei bot”

Associare il profilo Google+ di un autore ad un articolo di WordPress

È possibile associare un profilo Google+ ad un utente di un blog di WordPress per fare in modo che tutti gli articoli scritti da quell’utente siano riconducibili al profilo Google+.

Per completare questa procedura sono necessari:

  • un account Google+
  • un blog gestito da WordPress
  • la possibilità di installare plugin

Leggi tutto “Associare il profilo Google+ di un autore ad un articolo di WordPress”

“Le garantiamo un altissimo posizionamento su Google!”

Quante volte avete sentito dai vostri clienti qualche fornitore o guru del SEO che se ne usciva con una frase come questa?

Cialtroni e millantatori che dicono di possedere “ricette segrete”, “trucchi infallibili”, “furbate” o altre idiozie simili sono molto comuni tra chi si improvvisa e si rivende come profondo conoscitore del web.

Il SEO, quello serio, è qualcosa di valido e di utile, le cui radici affondano nei vecchi consigli tipo “non mettere solamente immagini e flash perché sennò i motori di ricerca non indicizzano un accidente” e si è evoluto negli anni in qualcosa di sofisticato, di pari passo con l’evoluzione dei motori di ricerca.

Spesso una regola empirica per valutare la bontà di alcune direttive è trovare riscontro delle medesime su Internet. Utilizzare trucchi per cercare di fregare l’algoritmo di ranking è una pessima idea per varie ragioni, tra cui: (a) posto di farcela, il trucco funziona per un tempo molto limitato; (b) se in tanti conoscono il trucco (non crederete davvero al guru del SEO, vero?!), il millantato vantaggio si appiattisce; (c) i motori di ricerca cambiano gli algoritmi nel tempo per scartare chi cerca di fregarli.

Per avere un’idea del punto (c), basta considerare che Google ha apportato 86 modifiche nei soli mesi di giugno e luglio.