Quake III a pila


C’è un computer che sto seguendo da un po’, attualmente nelle ultime fasi di sviluppo e testing. Si chiama Raspberry Pi, che si può tradurre con Lampone Pi Greco, ma suona anche un po’ come Crostata al Lampone.

Una volta sul mercato, dovrebbe costare attorno ai 35 (trentacinque) dollari per il modello con interfaccia di rete. Uscita video HDMI a 1080p con frame rate altamente decente. Audio analogico. USB 2.0. Processore Broadcom BCM2835 (lasciate perdere Google, al momento si trovano solo riferimenti a questo computer). Debian (o altro). Volendo, funziona a pila (quattro pile stilo, stando alle FAQ).

Ecco un video che mostra un prototipo di test sottoposto a un benchmark classico. Faccio presente che l’hardware del computer è in bella mostra nell’inquadratura, anche se magari non si nota subito. Il benchmark in questione non è esattamente il tipo di carico di lavoro che i progettisti si aspettano per il RasPi, ma visto che si poteva fare, l’hanno fatto.

Se l’oggetto v’interessa, vi suggerisco di farvi un giro per tutto il sito, perché le informazioni sono un po’ sparpagliate (persino nei commenti ai post), quindi è un sito che va spremuto per bene. Fortunatamente non è poi così esteso (al momento).


3 risposte a “Quake III a pila”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.