La ballata del programmatore

Dedicata a tutti i geek che sono già in ufficio dopo ferragosto ma sopratutto a quelli che ferragosto l’hanno fatto in ufficio.

Sulla musica de “Il pescatore” di Fabrizio De André, testo di Enrico Colombini, arrangiamento di Marco Di Francesco e cantata da Domenico Agostino.

Autore: Stefano Petroni

Informatico, appassionato di fantascienza ma sopratutto cazzaro. Socio e Vice Presidente dell'Associazione Culturale Deep Space One. Civis romanus.

5 pensieri riguardo “La ballata del programmatore”

  1. Le “piccole modifiche” peggiori sono quelle che stravolgono la logica e le premesse, tipo il committente che prima si era inventato che un valore dovesse essere univoco e poi cambia idea. E tu hai costruito la procedura sull’univocita’ del valore. Da omicidio.

    1. Purtroppo sono sotto NDA sennò ne avrei da dire sulle “piccole modifiche”…

Spazio per un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.