Censura strisciante

La potenza di calcolo raggiunta anche dai sistemi embedded rende possibile una sorta di censura preventiva basata su determinati pattern match.

Il primo esempio è la costellazione di EURione: un gruppo di cinque cerchi di colore definito posti a una distanza precisa gli uni dagli altri che, se trovati, bloccano la riproduzione o l’elaborazione di un documento. Alcuni software compiono un’analisi più approfondita per bloccare l’elaborazione delle immagini di banconote.

Canon ha annunciato che il suo nuovo sistema di gestione documentale Uniflow 5 sarà in grado di bloccare l’elaborazione di documenti che contengono determinate parole chiave e segnalerà il blocco. Il sistema si basa su un software belga di OCR, ma, per stessa ammissione di Canon, potrà essere aggirato scrivendo le parole in modo anomalo o simile a CAPTCHA.

Apple ha appena ottenuto l’approvazione della richiesta di brevetto Text-based communication control for personal communication device presentata due anni fa in base alla quale sarebbe possibile filtrare contenuti presunti offensivi.

Tutto ciò mi ricorda quando, una buona dozzina di anni fa, avevo implementato uno dei primi e rudimentali sistemi di blocco degli URL da un cliente che aveva forti problemi di banda a causa dell’uso non-lavorativo della connessione a Internet. Il filtro funzionava quasi alla perfezione perché mi ero accorto che avevo involontariamente bloccato l’accesso ai siti dell’università del Sussex e dell’Essex con cui il cliente stava collaborando.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

2 pensieri riguardo “Censura strisciante”

  1. Speriamo che il software open source ci sia ancora una volta d’aiuto nel fare quello che vogliamo NOI e non quello che vuole qualche potente.

Spazio per un commento