Il caso Hetzner

HetznerOggi pomeriggio Hetzner, il servizio che ospita anche il server su cui gira Siamo Geek, ha avvisato che alcuni dei suoi server sono stati compromessi.

Secondo le prime analisi, sarebbe stata trafugata una parte del database degli utenti utilizzati per collegarsi al sistema di gestione dei server, sono state pubblicate anche delle FAQ in merito.

La compromissione sarebbe stata causata da una backdoor creata da un programma che gira in RAM e non modifica gli eseguibili. Ricorda qualcosa questa definizione? Da qualche decennio lo chiamiamo virus e da qualche decennio lo combattiamo con una famiglia di programmi nota come “antivirus”, quei programmi che si caricano all’avvio e tengono d’occhio il sistema per impedire che altri programmi facciano quello che non dovrebbero.

Ecco che chi si credeva al sicuro solo perché usava un determinato sistema operativo e un metodo basato sulle checksum dei binari si scopre improvvisamente vulnerabile ad un attacco portato con una delle più vecchie forme di malware.

Probabilmente (ma è un’ipotesi azzardata) Selinux avrebbe potuto mitigare il danno, oppure l’ha mitigato. Sto facendo un po’ di test sulla mia pelle (il server casalingo) con Selinux, appena ho qualcosa di concreto arriva un articolo.

Nel frattempo, giova ancora una volta ricordare che nessuno è al sicuro per il solo fatto di utilizzare un sistema operativo piuttosto che un altro.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

2 pensieri riguardo “Il caso Hetzner”

Spazio per un commento