Twitter spia l’elenco delle APP installate

La storia di feature aggiunte e contrabbandate come miglioramento dell’esperienza dell’utente (user esperience) ha iniziato a diventare insopportabile tanto quanto la locuzione xxxxxx experience.

Alcune APP guardano l’elenco delle APP installate apparentemente per profilare l’utente, la qual cosa è, francamente, oltre il limite della tolleranza. Quella di Twitter si è aggiunta da poco a questo gruppo di simpatiche APP che non si fanno gli affaracci loro.

C’è un metodo a priori per bloccare questo comportamento di ogni APP. Dal momento che Twitter non ha ancora abilitato questa funzione, è il caso di agire subito.

In Android, andare nelle impostazioni, quindi nei profili utente, scegliere il profilo di Google, toccare Ads e disabilitare Opt out of interest-based ads; già che ci siete, resettate il vostro ID.

Chi ha iOS può disabilitare la funzione andando nelle impostazioni, Privacy e abilitare Limit Ad Tracking; anche qui potrebbe essere una buona idea resettare l’ID. Dal momento che Apple utilizza il modello delle APP anche per MacOS, c’è un’opzione Limit Ad Tracking anche in iTunes > Preferences > Store.

È possibile limitare questa opzione solamente in Twitter o verificare se la propria APP di Twitter sta già tentando di raccogliere l’elenco delle vostre APP.

Nella APP di Android toccare l’icona delle azioni overflow, quindi Settings e l’account da modificare. Se sotto Other c’è Tailor Twitter based on my apps, disabilitare quell’opzione; se non c’è significa che la vostra versione della APP non sta ancora raccogliendo l’elenco delle altre APP installate.

Nella APP di iOS, andare nella linguetta Me, toccare l’icona con l’ingranaggio gearSettings, l’account da modificare e sotto Privacy ci dovrebbe essere la voce Tailor Twitter based on my apps, che deve essere disabilitata. Se quell’opzione non è presente vale il discorso fatto per l’APP di Android.

Ad un’analisi superficiale l’elenco delle APP installate potrebbe essere un dato di poco conto che non importa se sia noto a terzi o no, ma riflettete bene. A parte l’inalienabile diritto a non dire a terzi cosa accidenti c’è installato sul mio dispositivo, siete davvero sicuri che l’elenco delle APP che avete installato non vi possa provocare quantomeno imbarazzo in almeno un contesto?

Spesso è meglio utilizzare il browser piuttosto che installare una APP. Certo la vostra user experience (bleah!) ne perderà, ma ci guadagnerà la vostra riservatezza e magari sarete utilizzatori un po’ meno ricoglioniti dalla user experience.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

3 pensieri riguardo “Twitter spia l’elenco delle APP installate”

Spazio per un commento