Scrivere in IPv6

Dal momento che gli indirizzi IPv6 sono in esadecimale è possibile esercitarse il proprio hexspeak.

Chi vuole uscire dalle solite parole può far lavorare le RegEx al posto della fantasia:

egrep -e "^[a-flos]{4}$" /usr/share/dict/words

Quel comando prende come input una lista di parole separate da un a-capo, considera solamente quelle di 4 lettere e stampa quelle che sono rappresentabili in esadecimale.

Nell’esempio sono state incluse anche la l (1), la o (0) e la s (5), ma si può espandere ulteriormente il range con, ad esempio, la z (2) e la g (6).

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

Spazio per un commento