Addio IPV4


Dopo lunga agonia lo spazio IPV4 è venuto a mancare (anche gli ultimi 5 netblock /8 sono stati assegnati da IANA ai registri locali….)

La comunità internet ha accolto incredula il triste annuncio ( http://www.nro.net/news/ipv4-free-pool-depleted).


5 risposte a “Addio IPV4”

    • Il problema maggiore è che IPv6 non ha l’ineluttabilità e la contemporaneità di Y2K, ma potrebbe costituire uno sforzo simile per le aziende.
      Il fatto che ci si possano procrastinare certe decisioni è al contempo un bene e un male.

      • Il problema non riguarda solo le aziende purtoppo.
        Basti pensare a quei geni che ci sono a Pisa che gestiscono il nostro TLD nazionale.
        Luigi sa già la storia del DNS check failed per la presenza di un AAAA record……
        E ad oggi se hai un computer che naviga in V6 devi tirare giù l’interfaccia per poter consultare in maniera decente il loro sito (inconveniente segnalato più di un anno fa).
        E si che loro sono del mestiere!

        Vogliamo poi parlare dei provider? Avete provato a chiedere al vostro ISP quando sarà disponibile una connessione IPV6 nativa???
        Il problema come ha puntualizzato Luigi è proprio la non ineluttabilità a tutti i livelli. Le cose funzionano ugualmente, quindi continiamo ad usare il vecchio sistema che è meglio.

Rispondi a Fabrizio Vettore Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.