Il secondo intercalare

31 Dicembre 2008 23:59:58
31 Dicembre 2008 23:59:59
31 Dicembre 2008 23:59:60
1 Gennaio 2009 00:00:00
1 Gennaio 2009 00:00:01

Errore? No, è esattamente quello che è successo quella notte a causa dell’introduzione del secondo intercalare (leap second in inglese).

Purtroppo alcuni software, tra cui Oracle, hanno avuto dei problemi, quindi ITU sta prendendo in considerazione (link a un documento MS-Word) l’eventualità di abolire il secondo intercalare, quando sarebbe meglio scrivere dei software che tengano presente questa eventualità.

Moltissimi software si basano sul fatto che “ogni secondo ne passa uno” e non contemplano che l’orologio interno del sistema operativo batta due volte la stessa ora o, peggio, batta un’ora minore di quella attuale. Sui sistemi *NIX e su quelli per cui è disponibile un porting del software l’uso di ntpd come demone sempre attivo mitiga molto questo problema; di contro, la schedulazione di una sincronizzazione una volta ogni tanto può comportare rischi.

Purtroppo il secondo intercalare non è prevedibile o pianificabile in quanto dipende dalle anomalie astronomiche della rotazione della Terra attorno al Sole. È comunque possibile scaricare liberamente un file di testo opportunamente formattato con le indicazioni dei secondi intercalari.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

2 pensieri riguardo “Il secondo intercalare”

Spazio per un commento