Proteggere i WiFi liberi con una password nota

Il rilascio di Firesheep ha evidenziato un problema noto delle connessioni WiFi senza password: i dati non vengono trasmessi in modo criptato.

Chester Wisniewski, senior security advisor di Sophos, propone una soluzione elementare, che consiste nell’utilizzare il protocollo WPA2 con una password nota e unica per tutti: free.

Un piccolo aggiornamento nel software dei client WiFi potrebbe fare in modo che il client provi quella password prima ancora di chiederla all’utente.

In questo caso la password non serve ad impedire la connessione a chi non ha titolo per farlo, ma forza il protocollo a negoziare una chiave di cifratura univoca con ciascun terminale collegato, rendendo di fatto inutile un tool come Firesheep.

Aggiornamento 17/2/2011 – Un aggiornamento della pagina di Naked Security linkata sopra rivela che questa soluzione non è percorribile e non deve essere utilizzata. Grazie a Paolo Attivissimo per avermi segnalato l’aggiornamento.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

3 pensieri riguardo “Proteggere i WiFi liberi con una password nota”

Spazio per un commento