2011 il collasso di internet

..in anticipo di un anno sui maya, internet come la conosciamo  potrebbe collassare a causa dell’annunciata fine degli indirizzi IP disponibili.
Come si può vedere in vari countdown (p. es http://ipv6.he.net/statistics/) mancherebbero meno di due mesi al nefasto evento.
Sarà vero?

In realtà lavoro con internet da 15 anni e già ai tempi annunciavano la fine dello spazio di indirizzamento entro i successivi 5 anni.
Lo stesso contatore di HE circa 2 anni fa ne annunciava l’esaurimento entro 300 giorni….
Questo fa pensare che il tempo mancante  sia una specie di funzione asintotica!

Scherzi a parte, gli indirizzi stanno effettivamente finendo anche se probabilmente ci vorranno più di 2 mesi.
Cosa cambia?

Inizialmente nulla.
Tutti i provider ne hanno una scorta più che abbondante, ma diventerà più difficile per nuovi operatori farsi assegnare delle sottoreti nuove.

E col mondo IPV6?
Il nuovo standard dovrebbe garantire uno spazio di indirizzamento talmente vasto da poter fornire un indirizzo IP ad ogni atomo presente nell’universo  e quindi risolvere definitivamente il problema.
Peccato che ancora quasi nessuno lo usi.
Non più tardi di un anno fa ho litigato nientepopodimeno che con la nostra registration authority perchè il check automatico del nameserver necessario alla registrazione di un dominio nel TLD .IT falliva a causa del fatto che uno dei miei DNS era configurato anche per gestire domini V6.
I provider che offrono connettivita IPV6 nativa sono ancora pochissimi.
Molti dei prodotti software più diffusi non supportano appieno gli indirizzi “lunghi” (si anche Thunderbird ha problemi, anche se con i nomi funziona…).
Quelli che come me vogliono iniziare a sperimentare la “nuova” tecnologia sono obbligati ad usare un tunnelbroker o altre diavolerie simili.

Insomma, sembra che il nuovo standard si stia avviando molto lentamente.
Forse gli annunci mediatici che seguiranno l’esaurimento del mondo V4 daranno la scossa necessaria per avviare (con calma…non c’è una reale fretta!) la transizione?
Io ho fatto un bel po’ di sperimentazione ed effettivamente il V6 funziona ed offre notevoli vantaggi.
Per chi non lo avesse già fatto e volesse approfondire e mettere alla prova le sue conoscenze tecniche sull’argomento, consiglio la certificazione IPV6 online di Hurricane Electric ( http://ipv6.he.net/certification/).
Copre vari step dal più semplice (strumenti come ping6) al più complicato (configurazione DNS glue per domini V6) in maniera ordinata e completa.
Se riuscitrete ad ottenere la certificazione di livello “sage” sarete sicuramente in grado di configurare i vostri spazi di nomi e le vostre reti  per gestire anche IPV6.
Per il momento non serve quasi a nulla, ma prima o poi…..

4 pensieri riguardo “2011 il collasso di internet”

  1. Giusto stamattina commentavo che acquistare un network device qualsiasi che non supporta IPv6 e’ come decidere di decommissionarlo ben prima che termini il periodo di ammortamento.

  2. Non sono cosi` convinto di tutto questo discorso. IPV6 e` troppo complesso, troppo poco interoperabile, troppo “alieno” per essere introdotto in tempi brevi, o forse per essere introdotto in toto. A meno di non spegnere internet e ripartire in V6 dopo una settimana, non c’e` alcuna possibilita` che venga realmente introdotto. D’altro canto ci sono aziende che possiedono migliaia di indirizzi V4 che usano come reti interne, e che immagino saranno liete di vendere al migliore offerente quando ci sara` la vera crisi. Insomma, l’ IP (V4) e` come il petrolio: una ricchezza da sfruttare per chi ce l’ha. Perche` mai perdere questa occasione?

    1. L’idea (non mia) è quella di iniziare ad introdurre IPV6 insieme al normale V4, come una naturale estensione.
      Dai miei test personali non ci sono conflitti.
      La mia rete accede tranquillamente al mondo V4 ed alle (ancora poche) risorse V6 disponibili.
      E non è detto che il passaggio debba avvenire in tempi brevi.
      V4 continuerà ad esistere per i prossimi 20 anni, e forse per sempre.

Spazio per un commento