Corsi e ricorsi

Posta KodakHo interagito per lavoro con il sistema di messaggistica di Microsoft fin da Microsoft Mail e mi sono visto tutte le incarnazioni di Exchange, in parallelo con l’evoluzione degli MTA di *NIX.

Dieci e oltre anni fa per aggiungere un account mail su *NIX il sistema più comune era uno script shell tipo useradd che prende come parametri una serie di dati utente. Il corrispettivo comando nel mondo Exchange era una serie di azioni WIMP non scriptabili con sistemi nativi.

Il tempo è passato e adesso gli MTA e i server POP/IMAP si basano su database multipli per gestire gli utenti, quindi per aggiungere un account si può utilizzare sia un’interfaccia carattere sia un applicativo con interfaccia HTML o similare. Ci sono alcune interfacce amministrative, come quelle di prodotti come Plesk o CPanel, che consentono di modificare alcuni parametri degli MTA e dei server IMAP/POP, anche se i parametri più esotici restano sotto il tappeto e devono essere modificati editando il file di testo apposito.

Exchange 2010 introduce una novità sostanziale rispetto ai predecessori, già anticipata dalla versione 2007. Con l’interfaccia grafica WIMP, infatti, si può accedere solamente ad una parte (a naso direi 1/3) delle caratteristiche e dei comandi di amministrazione, il resto è tutto command line di power shell. Benvenuti nel magico mondo dei SysAdmin che se devono fare una cosa anche due volte creano uno script per farla.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

Spazio per un commento