Criptoanalisi e omicidi

L’immagine qui a fianco riproduce uno dei due messaggi scoperti nelle tasche dei pantaloni della vittima di un omicidio ancora senza colpevole.

La vittima si chiamava Ricky McCormick e il suo corpo è stato rinvenuto il 30 giugno 1999 dallo sceriffo di St. Louis, Missouri.

McCormick era un appassionato di messaggi cifrati e scriveva note crittografate fin da bambino.

L’FBI non è riuscita a decifrare i due messaggi e chiede aiuto a qualsiasi persona in grado di fornire delle indicazioni utili su come decifrare le note lasciate da McCormick, che potrebbero portare alla soluzione del caso. (via Layer 8)

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

2 pensieri riguardo “Criptoanalisi e omicidi”

  1. A me sembra un’americanata… se non c’e’ riuscita l’FBI che ha un team apposito, cosa si aspettano? il “rain man” della situazione che glielo decripta a prima vista?

    E’ forse un test di ingresso per nuovi potenziali assunti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.