fanboy del mondo… unitevi.

Quando il fanboysmo raggiunge livelli come questo forse bisogna porsi delle domande:
E, non per essere razzista, ma questo livello di findamentalismo informatico lo vedo molto più frequentemente intorno alla Apple, piuttosto che intorno a Microsoft…

… e comunque è effettivamente meglio, anche sotto questo aspetto 🙂

 

 

8 pensieri riguardo “fanboy del mondo… unitevi.”

  1. Confondere l’ipad2 con “il nuovo”(sigh) iPad non è fanboysmo, è ignoranza. Il fanboysmo ha espressioni decisamente più estreme e perverse 😉

    D’altra parte penso che tante persone non saprebbero distinguere un xp da un Windows 7 tanto meno districarsi tra le specifiche di sistema.

    Tremo al pensiero di quando ci venderanno “il nuovo computer”, “il nuovo server” e basta….

    1. In effetti i fanboy sono peggiori… tipo quelli che dicono “parlo male di android solo perchè c’è kazuma” 🙂

      K.

    2. In effetto non dovrebbe stupire più di tanto…
      Molti clienti alla domanda “Che versione di Windows hai” non sanno rispondere e se gli mostro la schermata del mio “XP” loro non sanno dire se è come quella o se c’è il pulsante tondo di Vista o Windows 7 etc.

      Quindi posso capire che degli utenti “comuni” possano confondere un iPad2 con un iPdad3 (lo so che non si chiama così).

      Certo che sarebbe stato bello se invece dell’ipad2 avessero fatto provare un GalaxyPad, dicendo che era il nuovo iPAD 😀

    3. Vero, ma non ricordo le file davanti ai negozi per comperare Windows 7 ne’ persone che sfoggiavano Windows 7. Questo perche’ Windows 7 e’ un sistema operativo e basta.

      Nel frattempo per la serie “nuovo iPad contro HK53 – vince HK53” vi consiglio questo video

      1. Windows 7 è un S.O., mentre l’iPad(*.*) è uno status symbol. Ce l’hanno quintali di persone che non ne hanno bisogno…

        K.

  2. Ricordo che ai tempi dell’uscita di Windows 95, fanatici acquistarono il SO anche senza possedere un computer, ma solo in seguito al battage pubblicitario. Penso che l’oggetto del fanatismo, in ultima analisi, sia più che altro una questione di moda del momento. Indipendentemente dal fatto che sia un gadget o un software. Il primo è più semplice da mostrare agli amici, ovviamente.

  3. Bisogna rassegnarci, il computer ormai è un oggetto di consumo come gli spaghetti (che già negli anni ottanta ci vendevano mostrandoci auto di lusso e ville in toscana) e yogurt (venduti con le modelle o i comici). Il nostro ruolo di power users/geeks è destinato a cambiare parecchio nei prossimi anni. E non è solo il mac. E’ tutto l’ecosistema. Chi non si adegua perirà.

Spazio per un commento