Un salto di 39 chilometri

Felix Baumgartner oggi ce l’ha fatta: si è lanciato da 39 chilometri d’altezza ed è atterrato in piedi sano e salvo dopo poco meno di dieci minuti.

La missione non è stata priva di problemi e di momenti di tensione, a cominciare da qualche problema al riscaldatore del casco che hanno fatto temere fino all’ultimo ad una possibile cancellazione del salto e al conseguente rientro di Felix all’interno della capsula.

Su Gizmodo è possibile rivedere l’intera sequenza del lancio dalla capsula.

Bisogna anche registrare un dato collaterale alla missione: la trasmissione in diretta streaming di YouTube ha raggiunto e superato gli 8.000.000 di utenti (contatti? spettatori?), il cui numero era mostrato in tempo reale durante l’evento. Da casa mia ho notato che il visualizzatore di YouTube aveva aperto contemporaneamente svariate sessioni in IPv4 e IPv6.

Probabilmente per la prima volta alla domanda “dov’eri quando Felix si è lanciato?” risponderemo “su Internet”.

Aggiornamento 15/10 – È già stata realizzata una ricostruzione in LEGO dell’avvenimento.

Aggiornamento 17/10 – Sono stati pubblicati i dati ufficiali del salto, dopo l’analisi del sistema di registrazione della tuta:

  • massima velocità ragiunta: 1.342.8 km/h, confermando che Felix ha superato MACH 1;
  • tempo richiesto dopo il salto per superare MACH 1: 34 secondi;
  • altezza da cui è iniziato il salto: 39.045 metri;
  • lunghezza della caduta libera: 36.529 metri;
  • durata della caduta libera: 4 minuti e 22 secondi;
  • tempo totale dal salto all’atterraggio: 9 minuti e 9 secondi;
  • altezza a cui è stato aperto il paracadute: 1.615 metri.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

6 pensieri riguardo “Un salto di 39 chilometri”

  1. Io ho provato a guardala su YouTube ma funzionava male la connessione quindi mi sono dovuto accontentare di Italia 2 con la telecronaca di Guido Meda.

    Baumgarter è un figo ma al giorno d’oggi è “facile” fare queste cose. Il vero figo è stato Yuri Gagarin e i gli astronauti delle missioni Apollo. A quei tempi si rischiava il culo davvero! 😛

  2. Bello sapere che Giorgia è diventata talmente famosa per cui qualcuno abbia voluto farne subito un film.

    K.

  3. Ma vi rendete conto che con questa missione e` appena stato dimostrato che e` possibile fare un inserimento sub-orbitale stile Fanteria dello Spazio?

Spazio per un commento