“Telemetria” di Windows

Abbiamo detto delle funzioni possibilmente lesive della privacy di Windows 10.

Per questa specifica ragione molti hanno scelto di restare sulla versione 7 oppure 8 del sistema operativo.

Ho una brutta notizia per voi: gli aggiornamenti KB3075249, KB3080149 e KB3068708 per Windows 7, Windows 8 e Windows Server (sia a 32 sia a 64 bit) attivano lo stesso livello di “telemetria”.

Gli aggiornamenti sono stati distribuiti anche tramite WSUS.

La “telemetria” di Windows invia dati cifrati (quindi non ispezionabili da parte dell’utente) a Microsoft su questi due host:

  • vortex-win.data.microsoft.com
  • settings-win.data.microsoft.com

Invalidare gli indirizzi nel file locale %SystemRoot%\System32\Drivers\etc\hosts non ha alcun effetto perché il file viene deliberatamente ignorato dalla telemetria.

Si possono bloccare gli accessi sul firewall perimetrale o, probabilmente, anche con un firewall installato sullo stesso PC.

Per rimuovere gli aggiornamenti da un PC si possono utilizzare questi comandi:

wusa /uninstall /kb:3068708 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3022345 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3075249 /quiet /norestart
wusa /uninstall /kb:3080149 /quiet /norestart

quindi andare negli aggiornamenti e su ciascuno di quelli riproposti fare click destro e selezionare “Nascondi aggiornamento” (sono necessari i privilegi elevati per eseguire il comando).

Se WSUS ha già approvato gli aggiornamenti, è sufficiente approvare la rimozione degli stessi.

Nelle policy esiste un’opzione “Turn off application telemetry”, ma non è chiaro se sia sufficiente a bloccare tutte le funzioni di telemetria.

Turn off application telemetry

Aggiornamento del 29/9/2015Microsoft ha pubblicato una risposta ai dubbi sulla privacy da parte degli utenti. La risposta dice sostanzialmente “lo facciamo per il vostro bene e per questo continueremo a farlo”. Se è vero che un’analisi statistica dei casi permette di individuare e correggere rapidamente alcuni tipi di problemi, sarebbe bello poter permettere agli utenti di leggere i dati che vengono trasmessi a Redmond.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

Un pensiero riguardo ““Telemetria” di Windows”

Spazio per un commento