Lycos venduto per 36 milioni di dollari

Lycos

Ci sono nomi che per chi è su Internet da più di dieci anni suscitano ricordi e talvolta emozioni. Spesso pensi che certi siti non esistano più, estinti dalla naturale evoluzione di Internet. Lycos è uno di questi nomi.

Da Wikipedia apprendiamo che “Lycos è [Era?] un motore di ricerca ed un portale web che focalizza la sua attività nella fornitura di servizi e contenuti per Internet.”

Leggi tutto “Lycos venduto per 36 milioni di dollari”

So Long and Thanks for all the Fish

In molte delle civiltà meno formaliste dell’Orlo Esterno Est della Galassia, la Guida galattica per gli autostoppisti ha già soppiantato la grande Enciclopedia galattica, diventando la depositaria di tutto il sapere e di tutta la scienza, perché nonostante presenti alcune lacune e contenga molte notizie spurie, o se non altro alquanto imprecise, ha due importanti vantaggi rispetto alla più vecchia e più accademica Enciclopedia: Uno, costa un po’ meno; Due, ha stampate in copertina, a grandi caratteri che ispirano fiducia, le parole “NON FATEVI PRENDERE DAL PANICO“. […] E, nel caso che ci fosse un’inesattezza tra quanto riportato nella Guida e la Vita, ricordate che in realtà è la vita ad essere inesatta.

Settimana della Scienza e Notte Europea dei Ricercatori 2010

Settimana della scienza La Scienza vuole parlare di sé con tutti. Per farlo, sceglie ancora una volta Frascati. Dal 18 al 26 settembre, esperimenti e ricercatori in piazza, aperitivi e caffè scientifici, visite guidate ai Laboratori di Ricerca e giochi per i più piccoli animeranno le strade, le piazze, i locali della cittadina dei Castelli Romani.

Per un’intera settimana Frascati, che dagli anni ‘50 è epicentro di attività di ricerca di livello internazionale, si trasformerà in una vera e propria Città della Scienza. Tante domande e curiosità di tipo scientifico riceveranno risposte semplici e divertenti. Il tutto unito ad attività musicali, teatrali e di intrattenimento. Per mostrare nuovamente il volto leggero della Scienza, il suo dialogo concreto con la realtà, il suo confronto con la gente e la sua capacità di comunicare attraverso l’arte.

La Settimana della Scienza e Notte Europea dei Ricercatori, alla sua quinta edizione, è organizzata dall’Associazione Frascati Scienza, l’Erasmus Medical Center di Rotterdam e il CERN di Ginevra, in collaborazione con i maggiori Istituti di Ricerca Italiani.

Il Programma dettagliato della manifestazione

(via ASI)

Sul web la TV dell’ASI

ASINei prossimi mesi si succederanno alcuni degli eventi più importanti della storia dell Agenzia Spaziale Italiana: è arrivato il momento per dotarsi di questo nuovo strumento di comunicazione.

Così il presidente dell’ASI Agenzia spaziale Italiana Enrico Saggese, nel suo editoriale di apertura, saluta lo “start up” della WebTV dell’Agenzia, on line sul sito www.asitv.it da lunedì 19 luglio. Uno strumento unico ed innovativo nel panorama nazionale, per dare il maggior risalto possibile ai programmi e le attività dell ASI. Ma non solo: una redazione di professionisti alimenterà con continui aggiornamenti tutta una serie di format televisivi, pensati e costruiti nell intento di comunicare la cultura e l informazione sul mondo dello Spazio.

Ce n’è per tutti i gusti. Zero Gravity racconta dettagli e curiosità sulla vita degli astronauti. Pulsar è un magazine di informazione che getta ogni volta uno sguardo generale su cosa sta succedendo . Le parole dell Universo, condotto da uno scienziato, spiega ad ogni puntata, con un taglio molto divulgativo, un pezzo di Spazio. Satellite con vista permette di viaggiare sulla Terra tramite le foto di COSMO-SkyMed. Space Reloaded aggancia lo Spazio alla nostra vita di tutti i giorni, raccontando ogni volta casi emblematici di tecnologie spaziali trasferite in applicazioni pratiche sulla Terra.

La WebTV dell ASI è solo l’ultima arrivata, tra le nuove iniziative di comunicazione dell ASI nate tra la scorsa primavera e l inizio di questa estate. Dal 15 aprile, per fare un esempio, sul Televideo RAI si trovano, alla pagina 413, sei pagine aggiornate dedicate alle attività dell Agenzia Spaziale Italiana. Mentre il 7 luglio, è stato diffuso il primo numero della Newsletter dell ASI, realizzata in collaborazione con IlSole24Ore. Tutti strumenti che aiuteranno a dare il giusto rislato alle nuove storiche sfide dallo Spazio per l Italia, dal completamento della costellazione di COSMO-SkyMed alle missioni degli astronauti Roberto Vittori e Paolo Nespoli, fino all invio dello strumento AMS (l’italianissimo cacciatore di antimateria) sulla ISS.

(via Deep Space One)

Forse volo extra per gli Space Shuttle nel 2011

La NASA potrebbe ottenere i finanziamenti necessari ad effettuare nel 2011 un ulteriore volo dello Space Shuttle prima che questo vada in pensione definitivamente.

L’ultimo volo in programma è l’STS-134 con l’Endeavour, originariamente previsto per novembre 2010 e posticipato a febbraio 2011, a cui parteciperà anche Roberto Vittori come Mission Specialist. La commissione scienza del Senato americano, ha votato un extra budget di 1,6 miliardi di dollari per l’estensione del programma Space Sshuttle. Questo potrebbe rappresentare il primo passo verso un ulteriore lancio.

(via Dedalonews)

La ballata del programmatore

Dedicata a tutti i geek che sono già in ufficio dopo ferragosto ma sopratutto a quelli che ferragosto l’hanno fatto in ufficio.

Sulla musica de “Il pescatore” di Fabrizio De André, testo di Enrico Colombini, arrangiamento di Marco Di Francesco e cantata da Domenico Agostino.

Top Gear – Reliant Robin Space Shuttle

Prendete Top Gear, uno show televisivo della BBC che parla di veicoli (in particolare automobili) con uno stile umoristico e provocatorio. Aggiungete una Reliant Robin (un piccolo veicolo a tre ruote) ed un buon budget (quello della BBC). Condite con i commenti di Richard “Hamster” Hammond e James “Captain Slow” May.

Fatto? Avete ottenuto il vostro Nerd Attack!

Oracle vs. Google – Android viola brevetti di Java

Oracle vs. Google
Oracle vs. Google

Oracle giovedì ha denunciato Google presso la corte federale della California, reclamando la violazione di sette brevetti e copyright relativi a Java su Android.

Oracle ha ottenuto Java (assieme a MySQL ed OpenOffice) acquistando per 5.6 miliardi di dollari Sun Microsystems all’inizio di quest’anno. Un acquisizione che aveva suscitato più di un dubbio nella comunità open source / free software. Piano piano Oracle sta mostrando le sue vere intenzioni con i fatti e con un colpo solo potrebbe annientare anni di progressi.

Oracle con la denuncia ha chiesto la distruzione o almeno il ritiro di tutti i dispositivi mobili che utilizzano Android che per Google sarebbe un danno incalcolabile. Secondo recenti analisi la quota di mercato di Android è salita dall’1,8% del secondo trimestre dello scorso anno al 17.2% nello stesso periodo di quest’anno superando iOS di Apple e posizionando Google Android al trezo posto dietro Symbian e RIM (Blackberry).

La questione non riguarda solo Google ma coinvolge anche Motorola, HTC, Sony, Dell e tutti quelli che hanno prodotto oppure hanno in programma un dispositivo basato su Android.

Prepariamo i popcorn.

(via MarketWatch)

Lego Space Shuttle

Lego Space Shuttle
Lego Space Shuttle

Tre cose che provocano i più grandi Nerdgasm? Macchine potenti e complicate, esplorazione spaziale e Lego! Ora miscelate sapientemente questi tre elementi, aggiungete circa 90€ ed otterrete il nuovo kit Lego Shuttle Adventure

Uno Space Shuttle alto 44cm è dettagliatissimo e pronto per il count down per la sua prossima missione spaziale. Potete decollare dal launch pad, separare i booster ed il serbatoio esterno, posizionare un satellite con tanto di antenna e pannelli solari. Ha il carrello retraibile ed il cockpit può essere aperto come il comparto cargo. Comprende tre personaggi, due astronauti (uomo e donna) ed 1 tecnico di servizio a terra.

Tutto questo non fa che aumentare la nostra tristezza perché sappiamo benissimo che dopo quasi 30 anni di onorato servizio gli Space Shuttle saranno messi in pensione alla fine di quest’anno.

Space ShuttleSpace Shuttle

(via gizmodo.com)

Bazinga!

Bazinga!
Bazinga!

Vi è capitato recentemente di aver sentito il termine “Bazinga” ma di non capire cosa significa? Avete realmente la curiosità di sapere che significa? Siete nel posto giusto!

Bazinga è l’esclamazione che Sheldon Cooper, uno dei protagonisti di “The Big Bang Theory” utilizza per sottolineare una cosa che fa molto raramente: scherzare.

Approposito di The Big Bang Theory, è una serie che consiglio caldamente a tutti i Nerd / Geek che ci stanno leggendo. Magari guardatevela il lingua originale (con i sottotitoli in italiano se come me ne avete bisogno) il doppiaggio italiano fa… come dire… è lassativo… sono riusciti ad appiattire i dialoghi oltre ogni decenza facendo perdere alla serie le proprie caratteristiche salienti.

Per invogliarvi un po’ di più vi lascio due link dopo il salto.

Leggi tutto “Bazinga!”

Murdoch diffida Skype per l’uso del nome

Rupert Murdoch
Rupert Murdoch

Skype Limited la società proprietaria di Skype il noto software VoIP e di messaggistica istantanea, ha intenzione di quotarsi in borsa al Nasdaq. La procedura in questi casi prevede la pubblicazione di una relazione sull’offerta pubblica d’acquisto della società ed è obbligatorio elencare tutte le eventuali pendenze giudiziarie.

E’ così che è spuntata la storia della diffida da parte di News Corporation sulla questione del nome. Pare non sia il primo tentativo di Murdoch contro Skype per mantenere l’esclusiva sul nome “Sky”, già in passato ha provato (senza successo) nei tribunali di Svizzera, Turchia e Brasile a chiedere i diritti per l’uso del nome. Ora l’australiano punta ai tribunali della comunità europea.

Finto crack per Firefox 4.0 nasconde un trojan

FirefoxGira in rete un presunto crack per Firefox 4.0 che dovrebbe “sbloccare” il programma o attivare nuove funzionalità. Ovviamente è un fake che va ad installare sul computer un trojan…

Firefox è libero, gratuito e non necessita di registrazione o codici di attivazione.

L’ultima versione stabile di Firefox al momento in cui scrivo è la 3.6.8. La versione 4.0 è ancora una beta e se ne sconsiglia l’uso ai non smanettoni.

State attenti li fuori…

Save Google Wave!

Save Google Wave!
Save Google Wave!

Internet è così… non fai a tempo ad annunciare che vuoi chiudere un sito o un progetto che subito arriva chi lo vuole salvare.

Se siete tra quelli che non possono fare a meno di  Google Wave, ecco per voi il movimento “Save Google Wave!“.

Oltre al sito è a vostra disposizione anche l’immancabile account Twitter per essere aggiornati sulle ultime novità.

Io personalmente dopo averlo provato sono rimasto deluso e sconcertato. Un lancio pompatissimo che faceva aspettare miracoli ma nessuno che spigava cos’era e a che serve. Infatti dopo averci giocato un po’ il mio account è rimasto inutilizzato.

Siete anche voi tra quelli che vorrebbero dare una seconda chance a Google Wave? Raccontateci nei commenti perché e che tipo di uso ne fate.