Ok gli attacchi di Anonymous, ma…

Necessaria premessa: non credo che se un sito sia poco protetto debba essere hackerato per il fatto stesso di essere poco protetto.

Questo weekend molti siti hanno subito attacchi come rappresaglia alla chiusura di Megaupload, sui cui dettagli vi rimando al sito di Paolo Attivissimo.

Le conseguenze degli attacchi sono stati di fatto di due tipi: denial of service temporaneo per sovraccarico o danneggiamento dei contenuti del sito.

Contro il sovraccarico si può far poco ed è comunque un problema temporaneo.

Ben più grave (per i titolari) è il fatto che i siti americani della CBS e della Warner siano stati compromessi con danneggiamento dei contenuti come se fossero gestiti da sprovveduti.

I siti sono stati compromessi decine di ore dopo l’inizio degli attacchi e i gestori hanno avuto tutto il tempo per mettere in atto le opportune contromisure.

Certo che se una BigCorp appalta la gestione del sito a $nota_societa_di_consulenza, la quale si avvale a sua volta di subcontractor strozzati su costi e tempistiche avvisati sempre all’ultimo momento delle modifiche con il consueto incipit “Urgente! Urgente! Urgente!” questi sono i risultati.

Esternalizzare lavori e competenze potrebbe servire al maquillage del bilancio da presentare agli azionisti, ma sul lungo periodo fa perdere le competenze, aumenta la dipendenza dai fornitori e riduce la visibilità sulla qualità dei lavori svolti. Uno può scrivere sul contratto tutto quello che vuole, ma quando succedono questi incidenti la frittata è fatta.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

2 pensieri riguardo “Ok gli attacchi di Anonymous, ma…”

  1. Sono controcorrente ma… quei bimbominchia degli Anynomous stanno iniziando a triturare gli zebedei… quasi allo stesso livello dei taxisti.

    K.

Spazio per un commento