iGoogle chiude

Il primo di novembre del 2013 (fra 13 mesi, quindi c’è tempo) iGoogle chiuderà.

Nato sulla scia delle “home page personalizzabili” (figlie, a loro volta, dei bruttissimi “portali” generalisti), è stato oramai superato dalle applicazioni mobili, da visualizzatori integrati e dalle estensioni dei browser.

I dati visualizzati provenienti da altri servizi di Google saranno, ovviamente, ancora disponibili, quelli tipici di iGoogle, come l’elenco delle cose da fare, potranno essere esportati per utilizzarli con altre soluzioni.

Se si utilizzano alcuni gadget di iGoogle prodotti da terze parti è necessario contattare il fornitore per tempo per sapere se e come sia possibile esportare o migrare i dati registrati.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

4 pensieri riguardo “iGoogle chiude”

  1. Uno dei tanti motivi per cui non uso le applicazioni e i servizi di Google per gestire i miei dati o il mio lavoro: da un momento all’altro puoi trovarti con in mano niente, lasciato a piedi.

Spazio per un commento