Addio alla CEC-PACco

Di nuovo siamo costretti a discutere del difficile rapporto fra la PA e la tecnologia, in questo caso per quanto riguarda la “semplificazione” dei rapporti fra il cittadino e gli uffici amminsitrativi del nostro Paese.

Molti di voi avranno sentito parlare di Postacertificat@, nome volgare di un servizio ufficialmente chiamato  CEC-PAC il cui acrostico è – in puro stile burocratese italiano – Comunicazione Elettronica Certificata tra Pubblica Amministrazione e Cittadino. Si tratta di un indirizzo di Posta Elettronica Certificata particolare: funziona infatti solo tra i privati cittadini e gli indirizzi PEC della PA, ed era fornito gratuitamente da Poste Italiane.
Il vantaggio di essere gratuita e disponibile per ogni cittadino, previa registrazione, avrebbe dovuto portare a una sua rapida diffusione e quindi a una larga utilizzazione eliminando così la mitica Raccomandata AR che ha fatto parte della vita di tutti noi per tanti anni.
D’altro canto, lo svantaggio di questa casella era quello di essere “zoppa” ovvero di poter comunicare solo con alcuni indirizzi specifici della PA.
Insomma, un guazzabuglio forse appena accettabile sulla carta, ma del tutto impratico nell’uso reale.
La necessità di contattare anche altre entità dotate di PEC oltre la PA e la costante riluttanza di quest’ultima ad abbandonare carta e bolli per sposare il digitale ha scoraggiato i cittadini a sottoscrivere la casella o ad utilizzarla una volta aperta.
Risultato: il cittadino continua a usare carta oppure si è aperto una PEC “vera” da usare anche con la PA.

La conseguenza di tutto questo è che la Postacertificat@ verrà progressivamente dismessa in favore della PEC “completa”. Sarà possibile richiederne una casella gratuita per un anno alla AGenzia per l’Italia Digitale, all’indirizzo richiestapec(at)agid.gov.it. Dopodichè diventerà presumibilmente a pagamento, anche se mi sembra di non riuscire a trovare molti dettagli in merito.
Vi riporto qui di seguito una infografica che riassume la situazione attuale e i prossimi passi verso la chiusura del servizio.

Questo servizio era chiaramente pensato senza avere una strategia ben definita e si è rivelato alla fine un enorme buco nell’acqua.
Ora il Governo, ci dice, recupera 19 milioni di euro (la gestione di questo servizio costava 19-MILIONI-DI-EURO?!): riuscirà con questi soldi a non ripetere per l’ennesima volta gli stessi errori e realizzare un concetto (prima ancora di una infrastruttura) ICT degno di questo nome?
Speriamo, per il bene nostro e della Cosa Pubblica, che Italia Login abbia più successo della CEC-PAC.

Autore: Luca Mauri

Prima di tutto un Geek e un Trekker, Luca Mauri lavora come IT Manager. Entusiasta della esplorazione spaziale e della scienza in generale. È un lettore vorace e un fotografo amatoriale. Fa parte della piccola schiera degli INTJ.

6 pensieri riguardo “Addio alla CEC-PACco”

  1. Presente!
    Avevo aperto una CEC-PAC pochi giorni dopo che era stata attivato il servizio. L’avevo fatto per capire come funzionava, per potere fare esperimenti e per poter, nel caso, dare risposte ai clienti che mi chiedevano info a riguardo.

    All’ufficio postale di Pavia Centro ero forse il primo che attivava il servizio e il personale non era ancora abituato. La procedura diceva di fare una fotocopia fronte-retro del documento di identita’. Ma io avevo presentato il passaporto (la CE era conciata malissimo) e loro avevano fatto la fotocpia della pagina delle generalita’ e della copertina. 🙂

  2. anche io l’avevo attivata e anche usata per diverse volte.
    peccato era una bella idea. ho appena richiesto la disattivazione tant’è non ci penso più.
    speriamo nella nuova iniziativa AgeDi.

  3. 19 milioni di euro per 2 milioni (mancati) di utenti? Complimenti! Dieci (o 20) euro a utente. La PEC “vera” costa 5 euro all’anno. Del resto cosa possiamo pretendere dallo stato? Stato = Spreco.

    1. Riguarda solamente la PA e se avessero tolto 1 EUR di tasse ai cittadini per ogni legge/decreto/editto/regolamento/direttiva/delibera per la regolamentazione dell’utilizzo dell’informatica nella PA adesso i cittadini sarebbero in credito milionario d’imposta.

Spazio per un commento