Ubuntu 16.10 Yakkety Yak

È uscita la versione 16.10 (Yakkety Yak) di Ubuntu.

È una release appena successiva una LTS e contiene pochi cambiamenti significativi.

Innanzi tutto un avvertimento: se avete installato Veeam per Linux, rimuovetelo prima di eseguire l’installazione. Questo per due motivi: il primo è che la 16.10 non è (ancora) supportata da Veeam e il secondo è che a me ha piantato secca l’installazione di Yakkety Yak e ho dovuto utilizzare la demonologia computazionale per ripescare Ubuntu dal mondo dei morti.

L’integrazione con systemd è completa: le sessioni utente grafiche vengono ora lanciate da systemd e non più da upstart.

La 16.10 include la versione beta di Unity 8, che può essere attivata alla schermata di login premendo il simbolo di Ubuntu a fianco al nome utente. È una beta molto… beta, dal momento che sul mio computer non avvia la sessione utente, quindi non posso raccontarvi nulla in merito, per ora. È comunque una versione considerata sperimentale in questo momento.

Il supporto di questa versione terminerà nel luglio 2017.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

6 pensieri riguardo “Ubuntu 16.10 Yakkety Yak”

  1. Da quando ho scoperto il Desktop MATE, me ne batto dello sviluppo di Unity. Come fai a spostare il pannello superiore? non puoi. Male, quando lo spazio verticale è limitato.
    Inoltre le versioni Ubuntu .10, quelle che escono ad ottobre, non sono LTS (supporto a lungo termine), sono una sorta di “beta”, non consigliate a chi vuole stabilità.

    1. Per la precisione, anche le .04 con la cifra prima del punto dispari non sono LTS. In sostanza si fa prima a dire che le LTS sono .04 degli anni pari.

      Le non-LTS non sono “beta”, ma hanno un supporto limitato nel tempo.

      Su https://wiki.ubuntu.com/Releases ci sono le release con il suppoorto attivo e quelle con il supporto scaduto.

      1. Giusto, le LTS le fanno uscire ogni due anni.
        Ma ora una disavventura telefonica. Ieri sera mi chiama un amica:
        -ho aperto quello che mi hai installato, Chrome, ma non riesco a tornare indietro.
        – se non funziona la freccia indietro, avrai aperto un altra scheda, chiudila.
        -quale scheda?
        – in alto ci sono dei rettangolini, se ci passi sopra il mouse vedi le X, cliccaci sopra, il rettangolino più a destra è l’ultima scheda aperta.
        -non esistono! non mi piace questo chrome, voglio navigare come prima!
        – allora chiudi chrome e apri internet explorer.
        -come faccio a chiuderlo???
        – come fai con tutte le finestre, in alto a destra c’è una X dentro un quadratino.
        -Ah, si, ora l’ho chiuso. Ma dov’ è “intesplorer”?
        – è un icona con la E azzurra.
        -non c’è, mi hai tolto anche quello!
        – non posso averlo tolto, non ho toccato le icone, e poi è integrato in windows. Se non lo trovi, clicchi sul tasto start, in basso a sinistra.
        -ho cliccato, non me lo fa aprire, mi dice: avvia navigazione anonima, avvia internet explorer, avvia un altra cosa. Che devo fare?
        – una qualsiasi va bene, per cominciare a navigare.
        -ah, si, ora “c’è google”. Se mi hai tolto anche facebook, vieni qui a sistemare tutto. Buonanotte. Clic.
        Che sconforto 🙁

Spazio per un commento