Motori di ricerca aggiunti a Chrome

I browser che si basano su Chromium, incluso Google Chrome, aggiungono automaticamente alla lista dei motori di ricerca gli URL dei siti che si visitano che rispondono a determinate caratteristiche.

Questo potrebbe essere un comportamento poco simpatico e comunque lesivo della propria privacy. Se un utente cancella la storia dei siti che ha visitato e la cache del browser, i dati dei motori di ricerca aggiunti automaticamente rimangono registrati e devono essere cancellati espressamente in un altro modo.

Per vedere quali sono i motori di ricerca aggiunti automaticamente, andare nella pagina delle impostazioni (chrome://settings) e cliccare sul pulsante Gestisci motori di ricerca…

L’elenco che appare è diviso in due o tre gruppi:

  • Impostazioni di ricerca predefinite con l’elenco dei motori di ricerca che uno si aspetterebbe di trovare
  • Altri motori di ricerca con l’elenco dei motori aggiunti automaticamente.
  • Motori di ricerca aggiunti da estensioni con i motori di ricerca aggiunti dalle estensioni, come, ad esempio, quella di DuckDuckGo.

Nel mio caso mi sono ritrovato quasi 600 Altri motori di ricerca aggiunti arbitrariamente da Chrome. In questo elenco ci sono finiti siti di ogni genere, dalla Wikipedia (una riga per ogni lingua del sito) a blog che ho visitato una sola volta anche svariati anni fa. Apparentemente Chrome non fa pulizia e non rimuove i vecchi siti: ho trovato roba che non solo non visto da anni, ma che non esiste nemmeno più da anni.

La rimozione delle righe degli altri motori di ricerca è un processo abbastanza lungo. Per come è strutturata l’interfaccia, bisogna posizionare il mouse alla fine della riga interessata, attendere che compaia una X e cliccare sulla stessa, stando attenti a non cliccare su Imposta come predefinito:

Il tempo per ogni riga varia da oltre un secondo se avete circa 500 righe nell’elenco a una frazione di secondo sotto le 200 righe. Purtroppo non sono possibili selezioni multiple. La cancellazione delle righe potrebbe essere un modo per impegnare il tempo durante una telefonata noiosa.

Per impedire a Chrome di aggiungere altri siti si può seguire una procedura abbastanza complessa oppure installare il plugin apposito.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

4 pensieri riguardo “Motori di ricerca aggiunti a Chrome”

  1. Seicento motori di ricerca? A me ne appaiono sei o sette (ora uso SRWare Iron, clone di Chrome ma senza Google), e cancello subito Ask, Virgilio, ebay, amazon, poi aggiungo DuckDuckGo. Comunque grazie per l’addon.

      1. Vero. Per questo uso indifferentemente Chromium-based (+veloce) o Firefox (+potente).
        Bisogna avere sempre almeno DUE browser nel proprio dispositivo: se uno è “infettato”, l’altro ti offre una soluzione 😉

Spazio per un commento