Rogue One

Inutile che vi dica che al sottoscritto è piaciuto moltissimo Rogue One.

Questo video aiuta a spiegare uno dei motivi: alcune scene fanno sentire il geek a casa, ma senza il sovraccarico di riferimenti inutili tipico di un tale Jar Jar Abrams.

I riferimenti in Rogue One sono misurati con senno, servono a dire “sei a casa tua, tranquillo” senza ripeterlo ogni cinque minuti.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

4 pensieri riguardo “Rogue One”

  1. Bellissimo film ma è andato a perdersi il concetto base di Star Wars.
    Cos’è un fantasy? Medioevo, maghi, re, principesse e magia.

    Star Wars è il diametralmente opposto di un fantasy, ovvero, siamo nel futuro ma gli elementi secondari ci sono tutti: maghi, stregoni magia e principesse.

    In Rogue One, cosa manca?
    La magia. Solo alla fine si vede “la forza” e “lo stregone”.

    In ogni caso, lo considero il migliore della saga.

  2. Altro che riferimenti… in pratica è sempre lo stesso film che viene riproposto.
    Cambiano il titolo, alcuni degli attori, ma stiamo vedendo lo stesso film dell’altra volta 🙂

  3. L’avevo scritto a caldo su Twitter a dicembre e mi permetto di ripetermi qui: Rogue One è la dimostrazione PERFETTA di come si possa fare un ottimo prodotto di intrattenimento anche avendo a che fare con un franchise anziano.
    Abrams dovrebbe rivedersi questo film – inginocchiato sui ceci – almeno una volta alla settimana e tentare di spiegare a sé stesso perché ha fatto solo disastri con ST e SW, mentre questo film è esattamente quello che avrebbe dovuto fare lui a partire dal 2009.

Spazio per un commento