SETI@home si interrompe

Il progetto SETI@home smetterà di distribuire dati da analizzare il prossimo 31 marzo.

Gestito dal 1999 dal Berkeley SETI Research Center, il progetto di elaborazione distribuita aveva lo scopo di analizzare i segnali radio captati dal radiotelescopio Arecibo di Puerto Rico alla ricerca di evidenze di forme di vita o civiltà extraterrestri.

Ad inizio secolo il progetto era molto popolare, grazie anche a quelli che qualche lustro dopo si sarebbero chiamati espedienti social. Era possibile, infatti, associarsi a gruppi di utenti che sommavano le performance di tutti i membri. Questo tipo di competizione favoriva anche l’aumento delle unità elaborate.

Il motivo principale per cui il progetto si interrompe è che sono stati analizzati tutti i dati disponibili.

In secondo luogo ora il progetto deve analizzare i dati prodotti dai client e organizzarli in una pubblicazione scientifica.

Chi vuole continuare a donare la propria potenzialità di elaborazione può scegliere tra altri progetti.

Avalon Red

Era tanto tempo che non leggevo un cyberpunk così bello.

Nota: nessuno spoiler sulla storia in questo articolo.

Ambientato a metà di questo secolo, racconta la storia di John Harvard, un ex ufficiale con degli impianti cibernetici di livello militare che è riuscito a bypassare la disattivazione degli stessi dopo il congedo.

Una crisi a livello planetario induce una BigCorp ad assoldarlo per aiutarli a risolvere una situazione che potrebbe diventare catastrofica.

La storia si dipana sia nel mondo reale sia in una realtà virtuale completamente immersiva.

Non mancano, ovviamente, i colpi di scena, letteralmente fino all’ultima riga del romanzo.

Leggi tutto “Avalon Red”

Linux proxy per Veeam B&R

La versione 10 di Veeam Backup & Replication ha introdotto la possibilità di utilizzare Linux come sistema operativo del backup proxy.

In Veeam il backup proxy è il ruolo del host che esegue la copia dei dati dalla sorgente alla destinazione, è il ruolo del data mover.

Fino alla versione 9.5 il ruolo di proxy poteva essere assegnato solamente ad un host Windows, dalla versione 10 è possibile assegnarlo anche ad un Linux.

Leggi tutto “Linux proxy per Veeam B&R”

Calendario del fine supporto Microsoft nel 2020

Nel 2020 terminerà il supporto di alcuni prodotti Microsoft.

A differenza di altri anni, non ci sarà una data sola per il fine supporto, ma gli eventi saranno spalmati lungo tutto l’anno.

Quando un prodotto esce dal supporto non riceve più aggiornamenti di sicurezza, supporto tecnico e aggiornamenti per nuove vulnerabilità che dovessero essere scoperta dopo la data di fine supporto.

Ovviamente, pagando si può ottenere per alcuni prodotti quello che Microsoft chiama Extended Security Update (ESU), un servizio dedicato a chi è costretto a mantenere in vita gli zombie.

Vediamo le date relative ai prodotti più importanti.

Leggi tutto “Calendario del fine supporto Microsoft nel 2020”

Tasmota 7 e 8

Dicembre intenso per Theo Arends che ha rilasciato prima Tasmota 7.2.0 e dopo poco la versione 8.1.0

Dal punto di vista dei device Sonoff Basic e Wemos funzionalmente non cambia molto, quindi gli articoli già pubblicati relativi alla versione 6.6.0 restano ancora sostanzialmente validi.

Leggi tutto “Tasmota 7 e 8”

Arcade Game Typography

Credo che sia stato segnalato da un contatto di Twitter il mese scorso come notizia di disponibilità in prevendita su Amazon USA.

Inutile dire che, da appassionato di font e tipografia, mi sono precipitato come un sol uomo ad ordinarlo.

In un’epoca di font vettoriali a spaziatura variabile e di computer molto potenti dove spesso la GPU è più potente della CPU e con RAM a strafare l’idea di avere font raster di 8×8 pixel è ridicola e desueta, specialmente con al risoluzione attuale degli schermi.

Leggi tutto “Arcade Game Typography”

Non esistono algoritmi della verità

In questo interessantissimo video di Tom Scott viene spiegato il modo in cui lavorano i social network e il modo in cui questi tendono a favorire le radicalizzazoni e gli estremismi.

Non esiste un rimedio tecnologico contro questo, l’unico rimedio siamo noi, che non dobbiamo diventare un prodotto dei social.

Computer! {CIRIIP!} Inizia a spiare l’utente.

Come fan di serie di fantascienza, Star Trek in primis, abbiamo sempre desiderato un computer in grado di interpretare le richieste vocali ed eseguirle.

Quello che Star Trek e altri non hanno previsto è il fatto che il computer non si facessi gli affari suoi.

Continua a legegre

Flashare un Sonoff RF Bridge 433 con Tasmota

Il supporto di MQTT da parte dei dispositivi IoT è ancora relativamente limitato, di contro esistono moltissimi dispositivi a basso consumo di energia che utilizzano il protocollo radio a 433 MHz.

Ecco che entra in campo un bridge tra i dispositivi a 433 MHz e MQTT.

Continua a leggere

Sensibilizzare non significa dire eresie

Lo so, il titolo è forte, ma onestamente inizio ad essere un po’ tanto stanco di chi, con la scusa della “sensibilizzazione” e del “parliamone“, utilizza generalizzazioni e luoghi comuni e rischia, con questo, di fare più danni che altro.

Questa (dal 7 al 13 Ottobre 2019) è la “Settimana Nazionale della Dislessia” e oggi il giornale “La Repubblica” ha pensato bene di fare qualcosa per portare questo argomento all’attenzione di tutti i lettori.

Leggi tutto “Sensibilizzare non significa dire eresie”

Maria Clotilde Pini

Poche ore fa abbiamo dato l’ultimo saluto a mia prozia, Maria Clotilde Pini, alias la Signorina Pini, alias la Pini, alias Pini (come la chiamavano i bambini), alias Zia Tilde (come la chiamava la mia famiglia), allieva diretta di Maria Montessori.

A quest’ora, in giro per il web potete leggere della serie di qualifiche e raggiungimenti che la contraddistinguono. Nel suo campo era una celebrità.

E cosa posso aggiungere io a ciò che si legge in giro per il web? E che c’entra il sito web di SIAMO GEEK?

Leggi tutto “Maria Clotilde Pini”

Piccolo demone per la gestione dei device MQTT

Dopo aver configurato i Sonoff con Tasmota, è ora di cominciare a scrivere qualche riga di codice per la gestione dei dispositivi.

Ci sono fondamentalmente due modi di interagire con i dispositivi: chiamarli dal programma che fa da console oppure scrivere un piccolo demone costantemente in ascolto sui messaggi di un broker MQTT che aggiorni lo stato dei device in un database SQL.

Per questo esercizio ho scelto la seconda via.

Continua a leggere

Sull’attesa e sulla disinformazione.

Ti sei mai fermata a guardare una formica?” Feci questa domanda tanti anni fa ad una amica cantante, mentre parlavamo di come si tendeva ad usare il tempo in modo frenetico e di come, forse, ci si fermava troppo poco a guardare il mondo intorno a noi. Era la metà degli anni 90, quando internet iniziava a diffondersi e Marc Zuckerberg aveva forse poco più di 10 anni.

La diffusione della rete e, soprattutto, l’avvento della combinazione “smartphone” e “social network” ha avuto un effetto ancora più devastante sulla gestione del tempo e, soprattutto, sull’attesa. Alessandro Rocco di W La Dislessia! un annetto fa ha scritto un fantastico post sull’argomento (vi consiglio vivamente di leggerlo, soprattutto se avete figli).

Estrapolando alcuni dei concetti espressi da Alessandro ed associandoli ad alcune cose che ho notato in questi giorni sui social mi è venuta la voglia di prendere la tastiera e scrivere questo post.

Leggi tutto “Sull’attesa e sulla disinformazione.”

Imparare IoT: il kit di base

IoT (Internet of Things) è una delle buzzword del periodo, ma potrebbe avere implicazioni interessanti, divertenti e istruttive.

Fino a qualche anno fa andare a basso livello sul hardware richiedeva competenze molto specifiche e apparecchiature costose. Con l’avvento di Arduino e di tutti gli apparati simili, l’accesso al hardware per chi vuole divertirsi o creare qualcosa è diventato molto facile.

Documenterò in una serie di articoli (assolutamente aperiodici, causa impegni di lavoro) il mio progresso nella comprensione e nell’uso di qualche apparato.

Continua a leggere

Chiedere le prove. Sempre.

Un mio contatto ha postato una delle tante catene virali che ricostruiscono in modo pittoresco la caduta del governo, affermando che il M5S ha votato la sfiducia a Conte con il voto contrario alla TAV.

Leggi tutto “Chiedere le prove. Sempre.”