Da Galaxy S a Galaxy S II

Articolo pubblicato contemporaneamente sul mio blog personale
stefanopetroni.wordpress.com

Non sono una persona che cambia cellulare spesso, per me non è uno status simbol ma uno strumento di lavoro e come tale deve durare almeno tre o quattro anni. Questo è quello che pensavo quando l’anno scorso mi sono fatto regalare dai miei amici per il mio compleanno il Samsung Galaxy S. E devo dire che in questi 16 mesi di soddisfazioni me ne ha date tante, aumentando la mia produttività. Uno smartphone ti risolve problemi che prima non pensavi di avere (o che magari non avevi prima di avere uno smarphone :-D).

E’ arrivato però il momento di rinnovare i contratti con il gestore di telefonia mobile dell’azienda per cui lavoro e come incentivo il gestore ci ha dato un nuovo fiammante Samsung Galaxy S II.

Una volta cambiare telefonino era un dramma… gli SMS non li potevi trasferire, la rubrica e l’agenda erano un incubo. C’era da prendere le ferie per cambiare telefonino. I software in dotazione per il backup erano spesso incompatibili tra telefonini della stessa marca (Nokia quanto ti ho maledetto) figuriamoci esportare i dati ed importarli in un telefono di un altra marca.

Con gli smarphone questo è diventato un po’ più indolore. Già lo scorso anno il passaggio da Symbian (Nokia) ad Android è stato facilitato grazie ad utility più o meno ufficiali, adesso mi aspetto che la cosa sia ancora più indolore visto che da Android si passa ad un altro Android, in più entrambi collegati al mio Google Account.

Comunque sia ho deciso di cogliere la palla al balzo (come disse il castratore di canguri) e scrivere una serie di articoli che copriranno l’attivazione per la prima volta del nuovo telefonino, il collegamento al Google account, la prima sincronizzazione e così via. Poi una serie di articoli che andranno a trattare una serie di programmi (app) che ritengo degni di nota.

Salterei la scheda tecnica dell’apparato che potete comunque trovare quì per descrivere l’esperienza del primo avvio.

Devo premettere che prima di avviare il telefono ho fatto una carica batteria completa ed ho fatto partire il telefono con la vecchia SIM da cui è stato tolto il numero portato sulla su quella nuova, quindi il telefono poteva fare solo telefonate di emergenza e non aveva accesso ad Internet. Ho anche inserito prima dell’avvio del telefono una Micro SD da 16G Classe 10 comprata per 19,95€ su Amazon.

E’ venuto il momento dell’avvio, ovviamente essendo il telefono “vergine” la partenza avviene abbastanza rapidamente. L’androide verde ci da il benvenuto in GT-I9100 e ci propone di fare una chiamata di emergenza, cambiare la lingua o procedere con la configurazione.

(Prosegue a pagina 2)

Autore: Stefano Petroni

Informatico, appassionato di fantascienza ma sopratutto cazzaro.
Socio e Vice Presidente dell’Associazione Culturale Deep Space One.
Civis romanus.

11 pensieri riguardo “Da Galaxy S a Galaxy S II”

  1. io l’altro ieri ho installato ICS (4.0.4) sul mio Galaxy S… ci ho messo 15 minuti solo perchè ho voluto ripartire dal firmware 🙂

    K.

  2. Due pagine e neanche uno screenshot? Lo vedi che l’iPhone è meglio: a fine pagina 1 stavo già telefonando! 😀

    (non sapendo ancora se sarò a Fiuggi, te la faccio qui, la battutina!) 🙂

    1. L’altro giorno un mio amico con l’iphone voleva mettere un mp3 come suoneria…. ahahah ancora rido…. la cosa più assurda al mondo, taglia l’mp3 con un sw sull’iphone, collega l’iphone al computer lancia itune, cerca il programma usato per tagliare la canzone, scarica la canzone sul PC mettila su itune suonerie sincronizza iphone, vai nell’impostazioni dell’iphone seleziona la suoneria….

      Android esplora le risorse tieni tap sulla canzone usa come suoneria.

  3. La colpa è la mia:
    1. Non avevo tempo per gli screen shoot
    2. Non ho messo il disclaimer per gli utenti iPhone

  4. Pingback: Da Galaxy S a Galaxy S II « Stefano Petroni's Blog
    1. Veramente no, me l’aspettavo pure io. E devo dire che è meglio così, molte di quelle applicazioni non credo le passerò sul nuovo.

Spazio per un commento