Neptune’s Brood

Neptune's BroodCome ogni romanzo di Charles Stross, anche Neptune’s Brood è un vulcano di invenzioni e idee.

Siamo in un distante futuro di transumani in cui la velocità della luce non solo non è superabile ma viene utilizzata per elaborare sofisticate frodi finanziarie.

In questo contesto la popolazione si sposta trasmettendo la propria personalità da un sistema stellare ad una altro attraverso trasmissioni laser.

In questo racconto Stross pone molto l’accento sul lato economico-finanziario, infatti la protagonista Krina Alizond-114 proviene da una famiglia di banchieri  per conto dei quali sta facendo un pellegrinaggio di studio in vari mondi.

La trama non è certo povera di colpi di scena che rendono il libro unputdownable; a questi si affiancano le consuete invenzioni strossiane che vanno dai pipistrelli assicuratori ai calamari socialisti alla setta religiosa per cui una Soyuz rappresenta un’icona di culto.

L’unico appunto che mi sento di fare è che il finale mi ha dato l’impressione di essere un po’ troppo frettoloso, ma per il resto è un racconto godibilissimo.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

8 pensieri riguardo “Neptune’s Brood”

    1. Appena ho sottomano un libro di Stross guadagna immediatamente priorità nello stack 🙂
      Ora posso tornare a godermi The Hydrogen Sonata di Banks.

      1. Anche The Hydrogen Sonata è nella lista dei romanzi da procurarmi. Per le priorità ci sono già fin troppi spintoni tra un precedente di Banks, Alastair Reynolds, Greg Egan, il già citato Stross e altri ancora. 😉

  1. Della serie _consigli per gli acquisti_, The Quantum Thief di Hannu Rajaniemi è il libro che mi ha riconciliato con la fantascienza, io che avevo letto solo Asimov. Investigazione in una società i cui rapporti si basano su tecnologia a chiave pubblica, in un universo di transumani. Per i pochi che già non conoscono Jean Le Flambeur 🙂

      1. ahahahaha che cretino: soltanto vedendo il post mi sono ricordato che è proprio grazie a questo blog che l’ho conosciuto! 🙂 🙂

Spazio per un commento