Flashare un Sonoff RF Bridge 433 con Tasmota

Il supporto di MQTT da parte dei dispositivi IoT è ancora relativamente limitato, di contro esistono moltissimi dispositivi a basso consumo di energia che utilizzano il protocollo radio a 433 MHz.

Ecco che entra in campo un bridge tra i dispositivi a 433 MHz e MQTT.

Esistono progetti open molto interessanti basati su Wemos o Arduino, ma per fare delle prove e non introdurre troppe variabili nell’equazione ho preferito utilizzare un bridge di Sonoff.

I puntini rossi indicano la posizione delle viti

Non è detto che un domani non mi imbarchi in un progetto come OpenMQTTGateway e ve ne dia conto, ma ora il tempo è limitato.

I firmware da aggiornare sono due, iniziamo da quello che conosciamo meglio.

Per accedere alla scheda del bridge si rimuovono le quattro viti nascoste sotto i gommini adesivi.

Una volta aperta la scatoletta si può estrarre con delicatezza la scheda. Fate attenzione alle due antenne quando maneggiate la scheda.

Prima di flashare il firmware bisogna spostare verso sinistra l’interruttore a scorrimento posizionato sotto il led prismatico per disabilitare il circuito radio a 433 MHz .

In questo caso non salderemo dei terminali nei connettori della seriale, in quanto non sarebbe possibile rimettere la scheda all’interno del contenitore originale. Utilizzeremo dei cavi maschio-femmina per collegare la seriale direttamente ai pozzetti del circuito.

Bisogna solamente tenere ben fermi i connettori durante l’operazione di flash.

I pozzetti della seriale sono vicini ad una delle due antenne.

Partendo da sinistra i cavi della seriale da collegare sono: VCC, TX, RX, GND. Questi sono i segnali riferiti alla seriale USB, ovvero quello che leggete sulla serigrafia della seriale.

Come al solito, verificate che la seriale USB sia impostata per erogare 3V di tensione.

Per abilitare la scrittura della flash bisogna dare tensione al chip tenendo premuto il pulsante di accoppiamento.

Quindi con una mano tenete premuto il pulsante, con l’altra collegate la seriale all’USB e con la terza verificate che i cavetti della seriale facciano ben contatto con la scheda.

La modalità di caricamento del flash Tasmota e la configurazione iniziale del WiFi sono sempre quelli, quindi non mi dilungherò.

Dopo essere entrati nell’interfaccia web bisogna configurare il modulo come Sonoff Bridge (25). Dopo il reboot del dispositivo il menu principale mostra 16 pulsanti numerati da 1 a 16.

Ora bisogna flashare il chip di radiofrequenza a 433 MHz con Portisch.

Per non avere problemi di aggiornamento è meglio scaricare da GitHub l’intero progetto in formato ZIP tramite il pulsante verde Clone or download e copiare il file .hex che si trova nella directory Keil 8051 vx.xx – Release.

Verificare che l’interruttore a slitta che comanda la radiofrequenza a 433 MHz sia sempre nella posizione di OFF come nella foto più sopra.

Ponticellare tra loro il secondo e il terzo pozzetto della file di 4 e 8 pozzetti come indicato nella foto a lato.

Collegare solamente i due cavi di alimentazione dell’interfaccia seriale USB e collegarsi all’interfaccia web del dispositivo.

Selezionare Firmware Upgrade dal menu principale.

Selezionare il file con il firmware e premere Start Upgrade.

La procedura di aggiornamento dura qualche decina di secondi; quando è terminata il cicalino del dispositivo emette due bip e nel browser appare il messaggio di aggiornamento avvenuto

È possibile togliere l’alimentazione della seriale e i due ponticelli e ripristinare lo stato dell’interruttore a slitta per riabilitare la rafiofrequenza a 433 MHz.

Per verificare che il dispositivo riesca a fare da bridge, selezionare la console dall’interfaccia web e nella command line dare il comando rfraw 177.

Premere un pulsante su una pulsantiera RF oppure forzare un dispositivo RF a cambiare stato e se si vedranno apparire i codici binari nella console vuol dire che il bridge funziona.

Si può ora riassemblare il dispositivo, non sono più necessarie operazioni sulla scheda.

Prima di procedere all’aggiornamento del firmware è sempre bene leggere per intero la pagina dedicata di Tasmota.

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

Spazio per un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.