Avalon Red

Era tanto tempo che non leggevo un cyberpunk così bello.

Nota: nessuno spoiler sulla storia in questo articolo.

Ambientato a metà di questo secolo, racconta la storia di John Harvard, un ex ufficiale con degli impianti cibernetici di livello militare che è riuscito a bypassare la disattivazione degli stessi dopo il congedo.

Una crisi a livello planetario induce una BigCorp ad assoldarlo per aiutarli a risolvere una situazione che potrebbe diventare catastrofica.

La storia si dipana sia nel mondo reale sia in una realtà virtuale completamente immersiva.

Non mancano, ovviamente, i colpi di scena, letteralmente fino all’ultima riga del romanzo.

All’inizio sembra di leggere un romanzo sul palinsesto di Neuromancer: le AI, i collegamenti in realtà virtuale, le BigCorp planetarie, il protagonista in declino…

Ma ben presto ci si rende conto che Avalon Red supera senza problemi Neuromancer e lo lascia al palo (con la prospettiva del 2020, ovviamente).

Lungo il racconto, John Harvard ci porta in giro per il mondo reale e virtuale alla ricerca della soluzione di un problema che potrebbe essere molto serio per l’esistenza dell’umanità.

L’autore spara alto, ma direi che riesce a centrare il bersaglio.

Purtroppo non ci sono informazioni sull’autore, Mark New; si tratta quasi sicuramente o di un professionista o di una persona che è stata molto aiutata da un professionista.

La segretezza dell’autore potrebbe far pensare ad un professionista che, per motivi contrattuali, non può rivelare la sua identità. Oppure di un test per vedere la reazione del pubblico.

Consiglio la lettura a tutti gli amanti del cyberpunk e della fantascienza tecnologica, quelli che ne hanno un po’ le tasche piene di boschi, draghi e incantesimi (diciamocelo!).

Il libro è disponibile solamente su Amazon Kindle (il link non include alcuna affiliazione, non ci guadagno nulla se cliccate). Buona lettura!

Autore: Luigi Rosa

Consulente IT, sviluppatore, SysAdmin, cazzaro, e, ovviamente, geek.

2 pensieri riguardo “Avalon Red”

Spazio per un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.