Un vero geek fa un annuncio devastante

Presumo che il vostro geek interiore, come quello di quasi tutti i geek, sia ispirato o sia stato ispirato da altri geek, più geek di voi, o che erano geek prima di voi.

Tra le figure leggendarie del geekdom, un posto di rilievo spetta senza dubbio a Donald Knuth [genuflessione].

Non tenterò nemmeno di elencarne successi e riconoscimenti, vi faccio solo presente che il curriculum vitae di Knuth [inchino] pubblicato nel suo sito è lungo quasi quaranta pagine.

Permettetemi quindi di non ritenermi quasi degno di comunicare quanto segue a chi, come me, porta la vergogna di aver perso qualche mese fa l’annuncio in diretta: Donald Knuth [inchino] riscrive il TeX da zero!!!

Suggerimento: nei commenti in quella pagina c’è un link alla trascrizione del video in PDF.

Autore: Alessandro Pini

Sinclair ZX-81; Commodore VIC-20; Apple ][ Europlus; Apple //e; Amiga 2000 (Motorola 68000); Amiga 4000 (Motorola 68040, 68060, PPC); Sinclair ZX Spectrum; PC compatibile (Intel 8088 @ 4.77 MHz); ... poi ho perso un po' il conto (due o tre, troppo simili l'uno all'altro)... tower assemblato custom "galactica"; tower assemblato custom "pegasus"; IBM Thinkpad [boh? qualcosa] "defiant"; Compaq/HP Pavilion ze4300 "defiant"; virtual machine VMWare Server "phantom" (fu defiant); MSI Wind U100 "defiant"; Nokia e71 *nero* "blackbird"; tower assemblato custom "spaceball1"; HP Pavilion g6 "gunstar"; Raspberry Pi 2 "lamponcino", "rasputin"; virtual machine assortite. Sì, esatto, non ho mai posseduto il Commodore 64. Non sono quel tipo di geek.

5 pensieri riguardo “Un vero geek fa un annuncio devastante”

  1. Con la deferenza che si deve ad un sovrano quale Knuth, mi permetto di esprimere qualche dubbio.
    Da quello che ho capito iTeX sarà in XML e supportato da una GUI, sarà molto più complicato da usare in modo “testo”; questo secondo me porterà tanti utenti che ora usano il TeX (LaTeX) scrivendo direttamente a non adottare il nuovo iTeX o avere una bella difficoltà a convertirsi.
    Selezionare da un menu/oggetto/icona è molto più lento che scrivere direttamente la funzione senza dover staccare le mani dalla tastiera per prendere il mouse.
    Più o meno quello che accadde agli utenti Wordstar quando arrivò Word, la differenza è che TeX è già molto superiore a Word come qualità e possibilità (per non parlare di LaTeX che è uno standard de facto!).
    Ma forse ho capito male… o forse sono solo vecchio e ricordo i bei tempi del Wordstar 😛

  2. Grazie per aver condiviso la notizia, non ne sapevo niente.
    Condivido con te i dubbi in merito alla scelta ma vista la chiusura del video, sospetto fortementes si tratti di uno scherzo: chi farebbe il primo annuncio del proprio software destinato a rivoluzionare lo status quo dicendo che la presentazione in PPT e’ saltata per colpa di iTeX che e’ crashato?
    Come humor sarebbe benissimo nello stile di Knut.

    eNjoy

  3. Accidenti, finché non ho letto i commenti ci ho creduto anch’io… volevo piangere. 🙂 Ripensandoci a processore freddo, ciò avrebbe significato che era stata trovata l’ultima cifra di PI greco, quindi per ora siamo salvi! 🙂

Spazio per un commento