Il bello del software open

Il software open non sarà bello da vedere, non avrà un’interfaccia di design , non verrà venduto in confezioni fighe, non verrà promosso da commerciali cocainomani in gessato e gemelli, non sarà intuitivo, ma funziona!

Prendiamo un esempio a caso: la VPN.

OpenVPN è un orologio, si fatica (nemmeno poi tanto) per la configurazione iniziale, ma una volta fatta la prima le altre possono essere copiate da quella. Va in TCP e UDP, si può selezionare la porta, decidere il tipo di autenticazione e configurare mille altri parametri e raffinatezze.

È gratis e funziona.

Le altre soluzioni o sono vulnerabili, o sono care, o funzionano una volta su tre. Ci sono bellissime implementazioni di firewall commerciali che richiedono un bowser specifico, lanciano una granaiuola di applet Java non firmate (col cacchio che dico di fidarmi sempre!), lanciano un programma (solamente Windows, gli atri si attaccano) che dopo un’eternità stabilisce una connessione VPN… che non va!

OpenVPN va con qualsiasi tipo di trasporto e va sempre, basta solo configurarla correttamente.

Quando sceglierete la prossima VPN, pensateci bene.

I cani sciolti

Vicolo e rosso / Alley and redAvete messo in piedi un bel sistema di sicurezza per la vostra organizzazione: antivirus con policy restrittive, antispam, IDS, firewall…

Dopo mesi (o anni) di lavoro, avete avuto un periodo relativamente tranquillo dal punto di vista della sicurezza: il malware che arriva da chiavette o attachment viene immediatamente identificato e reso inoffensivo.

Un bel giorno vi dicono che l’organizzazione utilizzerà su alcuni collaboratori esterni per rimpolpare la forza vendita e di promozione. Tutte brave persone che aggiorneranno i dati aziendali da casa collegandosi in VPN e venditori con un proprio laptop professionale che utilizzeranno anche per presentare i prodotti ai possibili clienti. Leggi tutto “I cani sciolti”